“IL Passero”, aria di cambiamenti!

Da pochi giorni è nata nel nostro paese un’associazione culturale chiamata “Il Passero” (tipico appellativo dato ai Casalesi). Quest’associazione nasce dall’esigenza e dalla volontà di mettersi in gioco per offrire uno spiraglio di cambiamento.

Logo
Logo

 

Il nostro è un paese che se vuole può dare molto e con l’aiuto di tutti si spera che i primi risultati non tardino ad arrivare. Proprio per questo motivo l’associazione è aperta a chiunque desideri contribuire con il suo aiuto e con le sue idee(con una piccola quota associativa di 10 euro).

Una prima iniziativa, di cui a breve verrà reso noto il programma,ci sarà tra qualche settimana, precisamente il 16,17 e 18 ottobre. Il nostro obiettivo è quello di riuscire a spronare la nostra realtà con diversi tipi di manifestazioni che possano coinvolgere tutti, facendoci rendere conto che, insieme, anche nel nostro piccolo possiamo creare qualcosa di grande!

Vi salutiamo con la speranza che presto sarete in tanti ad aderire alla nostra iniziativa!

Domenico Ruosi, Marcello Napolitano, Natalino Trabucco, Angela Buono, Mariella Imparato, Antonio Manganello, Sara De Cristofaro, Giuseppe Ambrosino, Stefano Tortora, Salvatore Giordano.

——

 

comments

46 thoughts on ““IL Passero”, aria di cambiamenti!

  1. Anonymous

    Un plauso sincero all’iniziativa, anche se però tanta voglia di ravvivare il nostro stanco paese si poteva spendere in altre attività un esempio ? La festa della vendemmia.
    Sono vecchio a volte non comprendo più le dinamiche sottili.
    Comunque in bocca al lupo sperando che il nome non sia un auspicio.

    Reply
  2. Anonymous

    Bella iniziativa, auguri. Prima di aderire, è possibile sapere che tipo di iniziative si intendono portare avanti e con quali finalità? Grazie

    Reply
    1. Anonymous

      “Quest’associazione nasce dall’esigenza e dalla volontà di mettersi in gioco per offrire uno spiraglio di cambiamento.
      Il nostro è un paese che se vuole può dare molto e con l’aiuto di tutti si spera che i primi risultati non tardino ad arrivare. Proprio per questo motivo l’associazione è aperta a chiunque desideri contribuire con il suo aiuto e con le sue idee…”

      Leggevo il comunicato (?) della nascente Associazione e tra le righe l’unica finalità programmatica riscontrata è quella ricopiata, troppo scarno come manifesto programmatico. Le frasi facendo pendant con il nome scelto per l’Associazione (il passero) mi hanno fatto pensare (non me ne vogliano gli Associati) ad un vago chiacchiericcio da marciapiede, amma fà, amma cagnà, ka nu funziona niente, nui eravamu ri primi, ecc. ecc. i soliti luoghi comuni, che non albergano nei cuori dei firmatari del testo che tutti conosciamo e apprezziamo indistintamente, che però emergono INVOLONTARIAMENTE in quanto scritto.

      La mia non è una critica o altro contro l’Associazione, anzi credo che sarà un modo per consentire agli organizzatori di spiegarsi meglio sul senso delle loro proposte, su cosa vogliono fare, sul perché aderire, su quali sono gli strumenti organizzativi, e …………………

      Reply
  3. Anonymous

    mi preme una sottolineatura a mio avviso fondamentale. alla luce del fatto che amo di vero cuore il mio paese, quindi non posso che guardare con positività alla creazione di realtà che possano, perlomeno, tentare di rivivificarlo, mi pare alquanto sgradevole l’utilizzo di una denominazione, a rappresentazione degli scopi e dell’essenza stessa dell’associazione, che trae origine dal nomignolo spregiativo che ci è stato attribuito nel tempo. Ci chiamano “passeri” per rimarcare la nostra tendenza al chiacchiericcio, alla svolazzante non coesione. definirvi tali è come innalzare la bandiera del “sì, lo siamo davvero e ve lo dimostreremo!”. ma un’associazione culturale che miri alla crescita e valorizzazione della propria realtà dovrebbe porsi positivamente e soprattutto propositivamente, allo scopo di fare la differenza, di dimostrare il contrario, ovvero che coesi possiamo non cinguettare a vuoto ma operare laboriosi come rondini, per preannunciare la primavera di un nuovo corso. riflettete sul nome che avete scelto, affinché la scelta sia di buon auspicio e maggiore coerenza culturale! buona vita!

    P.S.= mi auguro di cuore che i suddetti “passeri” smuovano le cose e rechino, come ha scritto l’autore dell’articolo presente, “aria di cambiamenti”, ma non dimentichiamo che altri tentativi sono stati fatti, in primis dal sito in questione. non sminuiamoli e ricordiamoli sempre. nun è che issi se su scetati nu juornu frischi frischi e se vulessunu piglià onori e tituli… sono casalese verace, mi scappa sempre la frasetta “in lingua originale” 😀 ! è un segno di rispetto anche verso chi già dà e fa. rammentiamo che il vento del cambiamento soffia già da tempo, il problema è incanalarlo, convogliarlo nei mulini giusti. rispettiamo chi da anni lavora non visto (perché la visibilità non è fondamentale, il vero seme da piantare sta nel fare, nel costruire!) per tramandare alle generazioni che verranno il cuore un po’ a brandelli ma sempre pulsante di questo ameno paesello.

    Reply
    1. Anonymous

      esatto, è come se un’associazione genovese si dia il nome di “e io pago!” oppure veronese “ku klux klan”… è il colmo davvero! si tratta di cliché che non possono estendersi alla totalità di una comunità. mai fare di tutta l’erba un fascio. differenziatevi dalla massa!

      Reply
  4. Anonymous

    ma che volete cambiare ?
    se tanta cottura ha cucinato stò brodo, che fantasia: Passeri per sfotterci continuamente in rete nelle attività e per sempre.
    con questo nome avete marchiato a fuoco per sempre anche su internet casale di carinola.
    Come prima attività dell’associazione non c’è male.
    e poi aria di cambiamento ?
    ma di che parli ?
    tutto il cambiamento possibile nel tramare nell’inciuciare nel preparare le prossime elezioni ? diciamolo a questo servono tante associazinoi che fioriscono come funghi prima delle campagne eelttorali locali.

    Reply
    1. Anonymous

      Ja volte la critica è anche costruttiva ma bisogna capire e distinguere bene la suddetta dall’ironia. Io personalmente noto ilrimarcare continuamentela totale ignoranza in materia in quando da che mondo è mondo il passeto è un volatiche chr in bassa stagione vola basso ed per evitare tiratori scelti che tentano di colpire con le armi meno efficaci come “l’ironia”, manidifica nei centri abitati esclusivamente per integrarsi il quello che è un contesto docialr effettuando in grosse quantità disegni acrobazir ed sltro stuprndo lr persone chr li guatdano r li ammirano.Ecco …..qursto siamo noi.

      Reply
  5. anonymus

    AUTOIRONIA: capacità di ridere e sorridere di se stessi. L’ autoironia è un potente mezzo di comunicazione e di cambiamento:”sorrido di me stesso, mi prendo in giro e ti dimostro che hai torto” , è questo il senso del nome scelto, non volevamo sminuire il nostro paese, anzi al contrario…ci è sembrato simpatico e autoironico, appunto, utilizzare un termine che secondo chi ce lo ha attribuito dovrebbe connotarci negativamente e utilizzarlo per spronarci a dimostrare che Passeri non lo siamo affatto…
    Aria di cambiamento voleva riferirsi al fatto che siamo quasi tutti ragazzi e che siamo pronti a metterci in gioco per il paese, non vogliamo togliere meriti a chi li ha guadagnati con altre iniziative, anche senza avere visibilità, nè attribuirci onori e meriti per sminuire gli altri e per sentirci dire bravi…Questa associazione è apolitica e non ha veramente nulla a che vedere con le prossime elezioni… e soprattutto senza scopo di lucro, dove tutti sono uguali, nessuno è meglio dell’ altro,siamo tutti necessari e indispensabili…l’ associazione non è nostra, è di tutti quelli che vorranno aderirvi, noi abbiamo dato solo l’ input…
    Le cose che abbiamo pensato di porre in essere sono molte e possono diventare tante di più con il contributo e le idee di tutti…Non ci aspettavamo di sentirci dire bravi perchè non abbiamo fatto nulla di speciale, ma non ci aspettavamo nemmeno tanta diffidenza, forse solo un cenno per dire “ok,io ci sono…proviamoci”…noi ci metteremo sicuramente tutto l’ impegno per far si che Casale abbia la considerazione che merita, magari anche inciampando(speriamo di no),ma dobbiamo essere i primi a crederci…dobbiamo essere sicuri di noi e del valore del nostro paese…! 🙂 🙂 🙂

    Reply
    1. anonymus

      pensierini da letterina a babbonatale, è vero si che siamo tutti utili e nessuno indispensabili.
      scendete dal vostro castello e confrontatevi con la realtà altro che passeri e uccelli, ka c’è bisogno di lovoro sviluppo e idee e in quest attivtà non ci stanno.
      soltanto voglia di emergere e mettersi in mostra colpa anche di chi sottrae spazio a tutti nelle varie manifestazioni

      Reply
  6. Anonymous

    passeri, passeri, passeri, passeri, passeri, passeri, passeri,passeri,passeri,passeri

    Reply
  7. Anonymous

    stannu tanti auciegli e iate a sceglie iustu ru passeru! ma che facete, ve sfuttete vui suli? faceunu prima a chiamareve “pane e peresuttu”…

    Reply
    1. Anonymous

      hanno toppato di brutto co sto nome, ma si sa, adesso ne saranno sempre più convinti a sfregio viste le critiche. so giovani……

      Reply
  8. Anonymous

    Attenzione attenzione! Notizia fresca fresca: Nocelleto ingelosita crea un’associazione culturale last minute. Si chiamerà “La Ranocchia”. La segue Sessa che ne apre un’altra: “Jettm venettm e turnettm a ghì”…………….

    Reply
  9. anonymus

    Beh l’ ACEN ha già come logo una rana e non sembra sia nata nessuna questione di stato per questo…eppure è risaputo il significato…per quanto riguarda l’ età, beh se a 23,25,27,28,30, 34 anni…non siamo per la maggior parte giovani, aihnoi inizieremo a considerarci vecchi…autoironia da imbecilli?…opinioni personali…io credo francamente che qualsiasi nome avessimo scelto si sarebbe trovato qualcosa da ridire, perchè purtroppo anche se noi lo abbiamo scelto, lo ripeto 10,100 volte con autoironia questo nome…tanto male addosso forse non ci sta….e questo sinceramente dispiace…perchè dovremmo essere uniti nel fare le cose e invece è come se in una famiglia si andasse contro i propri stessi parenti…ma forse da giovani siamo ancora troppo ingenui…

    Reply
    1. Anonymous

      la tua opinione è personale io la vedo tutto il contrario e opposto, anzi caro anonimo sei pure ostinato/a a non ammettere cio che dici…………………………………………………….come scrivi tu sei il depositario della verità……..vai……………….vai………….vai………………

      Reply
  10. Anonymous

    sono basito. non avete capito voi il senso. nessuno vi sta remando contro ma dovete capire che ci può pure stare una buona parte della popolazione che si sente presa x i fondelli con un nome a sfottó. non si tratta di autoironia, se la devi affibbiare all’intera faccia di una cittadina. io lo vedo irrispettoso.

    Reply
  11. Anonymous

    Siamo anche noi Casalesi e credo che Passeri come non ci sentiamo noi non ci si senta nessuno…per questo c’ abbiamo voluto scherzare su…come quando ci dicono ” ma a casale parlate ancora cu ru ciu?” noi rispondiamo sorridendo e scherzando ” no solu ri ciu viecci”…e non credo che in quel frangente ci sentiamo offesi… Né quando ci dicono pane e peresuttu…fa tutto parte della nostra storia…sta solo a noi tirare fuori il positivo anche da quelle che gli altri vorrebbero far apparire come cose negative…lo abbiamo fatto in buona fede..ci possiamo solo scusare con chi si è sentito offeso…anche se offesa non è e non voleva essere…né nei nostri,né nei vostri, né nei confronti di nessuno…

    Reply
    1. Anonymous

      pane e peresuttu e perchè ” casalese leccarussu ogni muzzicu na auliva… non l’avevata mai sentita?
      ..

      Reply
    2. Anonymous

      di una banalità sconcertante MA CHE VUOI TIRARE FUORI DI POSITIVO DA UN NOMIGNOLO SPREGIATIVO ‘

      e secondo me non siete casalesi se non vi siete resi conto di cosa stavate per fare, scherzare in modo così superficiale con i sentimenti più profondo di un intero popolo. vi si ritorcerà contro

      Reply
      1. Anonymous

        proprio così. è da superficiali. e se davvero di festa della birra si tratta, stamm appostu!!! azz aria di cambiamenti…ormai quest’è l’unica attività casalese: ru giru de birre!!! ma fate eventi culturali, sennò altro che associazione culturale: assocazione alcolica!

  12. Anonymous

    quale autorità chi vi ha autorizzato ?????? tanti nomi da scegliere………………proprio questio autorizzando e palesando un nostro antichissimo nomignolo vi vergogno di come state ridicolizzando tutti quanti l’intero paese. certo come inizio non male…………………… autorità forse venuta .. ………….cambiate nome ne trarrete beneficio unitamente all’ intero paese.

    Reply
  13. anonymus

    ma perché per ogni cosa aprire una disfida in rete? a me non piace il nome, ci sono nel gruppo anche 50enni e 60enni, insieme ai tanti giovani il problema non è l’età ci sono giovani vecchi e vecchi giovani dentro, non dipende dll’anagrafe.
    Secondo me hanno scelto un nome sbagliato però bisogna riconoscere che ci mettono la faccia insieme ai loro nomi sono volenterosi, sono giovani amici \ che , speriamo che portino veramente aria nuova e fresca ora vediamoli all’opera; è sbagliato e pure in malafede fare attacchi preventivi, sul nulla, tutti i commenti e la discussione su una proposta di associazione aperta chi vorrà aderire e su un nome, è troppo veramente troppo.
    Diamo spazio e soprattutto aiuto e solidarietà a chi si cimenta in nuove imprese non dividiamoci sempre altrimenti si che saremo solo passeri.

    Reply
  14. anonymus

    16-17–ottobre prima inizativa, ma allora già tutto deciso.
    e poi casale ha bisogno per portare aria di cambiamento di una FESTA DELLA BIRRA?
    di questo trattasi sembra, nulla più, prossima attività TORNEO DI PADRON E SOTTO

    ironia a parte e parlo da figlia di casale e da madre uno dei problemi da combattere è l’alcol cioè l’abuso che se ne fa non stimolare il consumo, anche la stessa festa della vendemmia ha questo tipo di problema che si rivela una mega-bevuta collettiva, troppo spesso vediamo i troppi a gozzovigliare davanti ai bar, per piacere smentite questa notizia ditemi che si tratta di una bufala di una falsa notizia di uno inciucio rivelatosi falso.
    Altrimenti è devastante

    Reply
  15. Anonymous

    magari fosse una iniziativa elettorale avesse sensu. più semplicemente se festa della birra sarà, una iniziativa a favore di chi venderà birra, di chi porterà la musica di chi suonerà di chi della festa stessa traerà vantaggio.
    aria di cambiamento ? aria stantia cose già viste, mò ce vo

    Reply
  16. anonymus

    ma chi se ne fotte…….
    festa della birra ? passeri ?
    mbriacammuce

    della serie “il nuovo che avanza” o ” aria di cambiamento”
    poveri noi

    Reply
  17. Anonymous

    Ma vi state sempre a lamenta? Non si fa niente e non va bene se fa e peggio ancora, ma si può sapere a noi casalesi cosa ci va a genio? Si deve sempre stare pronti con il dito puntato verso chi si mette in gioco… Levateme na curiosità voi che tanto criticate vi siete mai messi in gioco? Secondo me state rosicando un po troppo per la nascita di questa associazione e forse chi critica è solo perché ne voleva fare parte…
    PS: la festa della birra si fa in tutto il mondo e non credo sia causa di degrado.
    PS: per combattere l alcolismo bisognerebbe chiudere tutti i bar!

    Reply
  18. Anonymous

    rosicare per qualche bevuta ballo e karaoke in piazzetta? le associazioni culturali fanno ben altro! guarda, muoiamo tutti dalla voglia di auto-etichettarci “passeri”…….cose da pazzi…. e poi, parlate tanto di “metterci la faccia”, forse è solo a questo che mirate. come se fosse un merito… ci vuole cervello, non facce!

    Reply
  19. Anonymous

    ma magari anche solo a mettersi in mostra, x soverchio desiderio di protagonismo nel fare cose inconsistenti. Casale ha bisogno di altro non di ciucci presuntuosi. la cultura è un’altra cosa.

    Reply
  20. Anonymous

    non sono dell’associazione.
    ma ke volete ? tutti a lamentarese cje a casale non c’è niente non si fa niente, i giovani vanno via e, sempre gli stessi personaggi ad organizzare e questo è il modo di accogliere ki vo fa qualcosa ?
    il nome sarà na stronzata ma è in buonafede, puri i non sono passero e mi da fastidio, quando mi chiamano così però si può anke cambiare. la festa della birra no perkè la gente si ubriaca ?
    Ma scherzate ?
    La festa della vendemmia ke succede? la gente ke fa tutti astemi ? ma la festa della vendemmia ke è ?
    e poi il problema sono i ragazzi del passero? se casale sta a questo livello è colpa di una nuova associazione ? perchè tanta cattiveria ? tutto il male di casale si è generato negli ultimi 15 giorni.
    La kultura è altra kosa e kos’è ? Rosario Miraggio ? e posso andare avanti ma kosì non si fa niente solo rovine, perciò smettetela di chiacchierare.
    Detto ciò nessuno ci-vi obbliga ad aderire, nessuno ci-vi obbliga a partecipare se non siete d’accordo liberi di scegliere ma lasciateci in pace

    Reply
    1. Anonymous

      non sono dell’associazione ????? dubbio commento spari a zero su tutto !!!!!! DUBBIO COMMENTO come è DUBBIOSO il contenuto

      Reply
  21. anonymus

    e tu non sei dell’associazione…????

    ma non rasentare il burrone vola alto e capirai.

    solo una piccola domanda ? c’è qualche soggetto in conflitto d’interessi nel gruppo ??

    Reply
    1. Anonymous

      conflitto d’interessi ??????? mah ogni quol volta che a questo paese si organizza qualcosa chiacchericcio totale, se la rete diffonde notizie positive belle intraprendenti, avanguardiste…………che possono far crescere, subito la macchina del parlare virtuale incomincia il suo gioco, incomincia il lavoro demolitore, per demolire tutto ciò che si vuol costruire. La rete deve essere costruttiva, chi non ci conosce di persona ci conosce attraverso il web e allora via col vento. E che cazzo ma allora stiamocene a casa, o in subordine mettiamoci in gioco e cerchiamo almeno di salvare il salvabile, penso che ce se sia ancora. Mi è giunta notizia, da fonte sicura che oltre all’ associazione succitata, verso la fine dell’ anno nascerà un’altro sodalizio associativo sconosco i contenuti . E vai così riscatteremo casale in modo totale e unico.

      Reply
  22. Anonymous

    Invece di criticare, mettetevi in gioco, partite e fallite con dignità, se è un’associazione capace di fare qualcosa di buono va avanti, altrimenti segue il naturale iter di ogni associazione aperta tanto per. I Casalesi dovrebbero uscire dalla mentalità delle “prieci” e sostenere ogni cosa di positivo che si realizza a casale, che può essere anche la festa della birra, la quale è vero non è sicuramente sinonimo di cambiamento, ma nemmeno di cirrosi epatica, perché non è detto che devi bere fino al collasso. A mio parere, resteremo in quattro gatti tra qualche anno, perché la mentalità è la cosa più difficile da cambiare.

    Reply
  23. anonymus

    A leggere questi commenti viene fuori la “natura passeresca” casalese.Basta che un Passero abbia emesso il primo cip e tutti a cippiare.Il nome:Passero.Lo invidio ,mi piace.Auto ironia?Certo.Ma io l’avrei scelto,come sfida.Il problema vero è un altro.C’è la preparazione,la forza culturale per reggere quest’ironia?Per affrontare questa sfida?Se c’è allora il nome viene trasfigurato ed anziché essere un elemento negativo diviene un simbolo altamente positivo.,in parole povere si cancella quella nomea per sempre.Se non c’è questa forza allora si rischia persino di cadere nel ridicolo rafforzando ancora di più la nostra “passerità”.Fare cultura significa trasformare,rinnovare,svecchiare e creare qualcosa di nuovo.Significa incidere nella comunità in cui viviamo con idee nuove,con linguaggi nuovi.Un’associazione culturale deve interessarsi del senso civico del popolo cui appartiene,deve creare bellezza e dinamismo,deve aprirsi dando una parte di se stessa disinteressatamente.Io non so quali progetti hanno coloro che si mettono in questa …impresa.Per ora meglio loro di coloro che se ne stanno egoisticamente chiusi in se stessi.Questo caro nostro benemaledettopaese avrebbe tutti i numeri per eccellere invece va sempre più agonizzando.Per egoismo anche intellettuale,perchè ha intelligenza da vendere ma la spreca inutilmente o meglio la usa solo per fini egoistici.Auguri.

    Reply

Lascia un commento