Terre del Falerno espone a Hong Kong

Comincia in queste ore, 5 novembre 2015, la International Hong Kong Wine&Spirits Fair, la piu’ importante fiera del settore Vini dell’Asia. Sara’ presente, con un proprio spazio espositivo, il consorzio/associazione Terre del Falerno.

Terre del Falerno e’ uno strumento amministrativo di coordinamento e collegamento tra i 5 municipi che governano il territorio del disciplinare di produzione del Falerno del Massico (Carinola, Cellole, Falciano del Massico, Mondragone e Sessa Aurunca) e una serie di produttori che stanno via via aderendo anche grazie alla spinta propulsiva del Consorzio di Tutela.

Terre del Falerno ha avuto i natali nel giugno del 2013 quando fu approvato dalle rispettive giunte comunali (componenti quindi il Comitato Promotore con capofila Carinola) lo Statuto associativo che verra’ definitivamente ratificato e perfezionato nelle prossime settimane.

Il Comitato Promotore di Terre del Falerno si era riunito il 12 Ottobre scorso, presenti tutti i rappresentanti dei comuni, presso il Palazzo Novelli di Carinola su invito del Sindaco De Risi.
In quell’occasione si decise di imprimere una forte accelerazione alla fase costituente e di attuare nell’immediatezza una strategia di marketing territoriale di forte impatto, partecipando ai piu’ rappresentativi appuntamenti promozionali che si sarebbero tenuti in tutto il mondo, in particolare quelli previsti nel piano Export Sud del dell’Istituto per il Commercio Estero , a cominciare, appunto, dall’esposizione di Hong Kong.

La partecipazione alla fiera cinese e’ stata possibile grazie ai Fondi europei del Piano di Azione e Coesione delle Regioni dell’Obiettivo  Convergenza 2007-2013 che hanno permesso un notevolissimo abbattimento dei costi di partecipazione.

Lo stand di Terre del Falerno ospitera’ materiale espositivo e campionature per la degustazione di alcune tra le piu’ importanti aziende produttrici, tra cui Bianchini Rossetti, Fattoria Pagano, Masseria Felicia, Cantine Papa, Cantine Moio, Regina Viarum, Viticoltori Migliozzi e anche la stessa Villa Matilde del Presidente del Consorzio di Tutela Savatore Avallone.

Il presidio delle atttivita’ fieristiche e di quelle connesse (incontri, business to business ecc.) e’ stato affidato dal Comune di Carinola ad un team (under 30) formato dalla dott.ssa Maria Zampi, esperta in Management Internazionale delle imprese, il dott. Pietro Alfieri, esperto in marketing internazionale dei prodotti agroalimentari e l’interprete Italiano-Inglese-Cinese ed esperta in rapporti comnerciali Asia-Europa Ilaria Guarino.

Presente personalmente in fiera (a proprie spese) e unitosi al Team il winemaker Angelo Pagano (anch’egli under 30) convinto che la via giusta sia quella della sinergia tra produttori e amministrazioni.
A coordinare le attività è stato chiamato  Emiliano Polia che ha, tra l’ altro, moderato tutti gli incontri istituzionali fin qui  tenutisi per predisporre l’ atto costitutivo di Terre del Falerno.

Le spese di partecipazione sono state tutte anticipate dal Comune di Carinola mentre gli altri enti aderenti hanno sottoscritto protocollo di intesa, predisposto durante la riunione del 12 Ottobre, per la copertura successiva dei costi.

Grande soddisfazione e’ stata espressa dal Sindaco di Carinola Luigi De Risi: “Finalmente il vino Falerno e il territorio del nostro Agro millenario sono li’ dove meritano e dove avrebbero dovuto essere da tempo ovvero in un grande contesto internazionale, accanto al Brunello e ai Bordeaux francesi. La nostra splendida terra, che ai tempi dell’Antica Roma ha dato i natali all’enologia e alla qualita’ agroalimentare, non dovra’ mai piu’ mancare a questi appuntamenti”.
“Complimenti infine alle giovani e ai giovani professionisti, meravigliosi, che stanno credendo con competenza e passione al progetto ambizioso di Terre del Falerno”.

——

Consorzio Terre del Falerno

One thought on “Terre del Falerno espone a Hong Kong

  1. AvatarAnonymous

    Il grazie va solo ed esclusivamente ad EMILIANO POLIA. Altrimenti con il cxxxx si esponeva ad Hong Kong.
    Scrivo per evitare che ALTRI prendano meriti che assolutamente non hanno.

    Reply

Lascia un commento