Nuova Toponomastica: Piazzetta Deportati e altro

Aspettiamo ancora la pubblicazione della Delibera all’Albo Pretorio del comune di Carinola, però siamo in grado di anticiparvi che nella da poco conclusa Giunta Comunale sulla riorganizzazione della Toponomastica locale, sono state prese alcune decisioni riguardanti Casale.

PIAZZETTA DEPORTATI sarà il nuovo nome della Piazzetta nel Centro Storico di Casale, sostituendo così la vecchia denominazione di Piazza Vescovado; altri sei sono i nominativi per altrettante strade nuove, relativamente nuove o traverse minori createsi nel corso degli anni. Riguardo alle altre frazioni, anch’esse interessate dalla riorganizzazione anagrafica stradale, sapremo essere più precisi in altro articolo.

Dunque dicevamo di Piazzetta Deportati: per mantenere la memoria storica del rastrellamento nazista avvenuto in quel luogo il 23 settembre 1943, un gruppo di cittadini, su iniziativa della nostra redazione, protocollò nel settembre 2012 la proposta di questo cambio di denominazione per conservare il ricordo di una brutta pagina del nostro paese che vide protagonisti, loro malgrado, decine di nostri compaesani.

Inoltre cinque strade sono state intitolate ex novo, anche se aspettiamo di conoscere i dettagli, quindi per ora anticipiamo soltanto i nomi:

Via Giancarlo Siani, il giovane reporter assassinato dalla camorra di cui quest’anno ricorre il trentennale dalla morte;

Via Filippo Turati, avvocato, giornalista e tra i fondatori del Partito Socialista dei Lavoratori Italiani;

Via don Luigi Sturzo, politico, scrittore, insegnante e fondatore del Partito Popolare Italiano;

Via Pietro Nenni, storico leader del Partito Socialista Italiano;

Via Giuseppe Dossetti, teologo, giurista, partecipò alla lotta antifascista e all’Assemblea Costituente;

infine un nome forse meno tangibile ma sicuramente più concreto ed illustre:

Via del Falerno, ci sembra normale, anzi addirittura naturale che in uno dei Comuni dell’antico Ager Falernus ci sia una strada intitolata a una delle glorie locali, forse LA GLORIA LOCALE per eccellenza.

Queste sono le prime indiscrezioni trapelate: queste variazioni/innovazioni riguardano la frazione di Casale ma per uno sguardo complessivo alla nuova toponomastica comunale aspettiamo, come detto, l’ufficialità della Delibera.

7 thoughts on “Nuova Toponomastica: Piazzetta Deportati e altro

  1. AvatarAnonymous

    Perché i locali no e i politici si? Va benissimo SIANI …e perché non FALCONE , BORSELLINO , GIOVANNI ,
    PAOLO II,DON DIANA …….che sono testimoni dei nostri giorni per i giovani e le future generazioni…….
    Avete così tanta nostalgia dei politici dei vecchi partiti?
    E poi se i locali no, nemmeno i Deportati, con tutto il rispetto per loro. Avrei preferito
    intitolarla a ORESTE MAINA che ci ha testimoniato con il suo diario il tragico episodio e ce l’ha fatto
    conoscere. MA I CASALESI NON HANNO VOCE IN CAPITOLO, PER DECIDERE DEMOCRATICAMENTE ?

    Reply
    1. Avataranonymus

      “MA I CASALESI NON HANNO VOCE IN CAPITOLO, PER DECIDERE DEMOCRATICAMENTE” … ti ricordo che quel gruppo di cittadini che ha proposto l’intitolazione ai Deportati SONO CASALESI solo che sono casalesi che si sono disturbati a scriverla quella proposta, non uno dei soliti che è buono a criticare solo a cose fatte.
      E poi se permetti Oreste Maina era solo uno dei tanti deportati di quel rastrellamento, altri c’erano e hanno rischiato la vita e comunque altri ne hanno raccontato e scritto ma non su Internet ma su quei fogli di carta rilegati che si chiamano LIBRI!

      Reply
      1. AvatarAnonymous

        certo che a casale le strade hanno certi nomi….vico piccolo,vico gelsomino, vico belfiore,vico giardinetto,viale dei ciliegi….spariti, via per cascano…….tutti superati e anacronistici……………
        certo sono d’accordo che una strada sia intitolata al nostro caro don GICANDO GIUSEPPE STRUFFI e non sarebbe un locale anche se è vissuto a casale per oltre cinquant’anni……e meritano anche il MAESTRO SQUICCIARINI,il poeta NAPOLITANO,IL dottore TRABUCCO e anche qualcun’altro………ma sono locali

  2. AvatarAnonymous

    a nocelleto recentemente hanno intitolato la piazza alberata a un EROE dei nostri giorni,
    il sergente maggiore CARMINE BERTOLINO di Nocelleto per cui locale…..
    Chi comanda detta legge e gli altri….in silenzio!!!!

    Reply
  3. Avataranonymus

    ma perché una strada Don Gicante Struffi non la meritava ? o Il Maestro Squicciarini ? o il Dottor, Da poco scomparso Trabucco ? O il Dott. Armando Trabucco, si anche Oreste Maina una strada la meritava, insomma si poyrebbe anche registrare viale dei ciliegi come viale dei ciligi e non come via Santa maria, ecco Antonietta Fava una strada non la meriterebbe ?????
    deportati casalesi

    Reply
  4. Avataranonymus

    don GICANDO GIUSEPPE STRUFFI… il MAESTRO SQUICCIARINI, il poeta NAPOLITANO, il dottore TRABUCCO

    … sono d’accordo. Perché non lo proponiamo? Ma nero su bianco però, non con parole in libertà sul web

    Reply
  5. Avataranonymus

    si il Poeta Napolitano l’avevo dimenticato, e sicuramente ci sono altri che ci sfuggono meritori di un ricordo, di una strada. Poi leggevo via del Falerno, ottimo, anche se a Casale già c’è via dell’uva e non per questo le varie amminstrazioni hanno mai fatto niente per tutelare l’agricoltura..
    Via dell’imu agricola, via della Tari più alta d’Italia, via del paese abbandonato a se stesso dovrebbero titolarl una strada.
    ADDA VENI’

    Reply

Lascia un commento