Situazione debitoria del comune di Carinola: Russo o Mannillo, chi avrà ragione?

Grande eco hanno suscitato le parole del sindaco di Carinola Antonio Russo il quale ha dichiarato che “L’aumento della tariffa TARI per ora si tratta di una previsione e che siamo stati costretti a farla a causa di alcuni debiti ereditati da precedenti Amministrazioni”,  citando esplicitamente la giunta di Pasquale Di Biasio, per una sentenza sfavorevole relativa all’Eco4, e un’altra contro la giunta di Gennaro Mannillo relativa alla Bonifica della Selleccola.

Parole dirette che molte polemiche probabilmente sono destinate a creare, e infatti immediata è la replica di Gennaro Mannillo, Sindaco di Carinola dal 2008 all’inizio del 2010, il quale contattato da casaledicarinola.net ha replicato a muso duro alle parole dell’attuale Primo Cittadino:

«Antonio Russo è bravo ad imbrogliare i cittadini, in pubblico ed in privato continua a dire bugie. Poteva fare un progetto di 900.000,00 euro passando alla raccolta mista, mettendo i cassonetti per vetro e cartoni, avrebbe tolto volume e peso, invece ha fatto la scelta di pagare alla società una somma stratosferica, con un costo doppio rispetto alle esigenze. Russo sopravvive in politica perché è un pataccaro, mette le patacche sui suoi avversari».

«Ho lasciato il Comune con i conti in ordine, hanno costruito contenziosi su contenziosi fino a portare il Comune sull’orlo del baratro. Russo dimentica di essere stato Vicepresidente dell’Eco4, dimentica di essere stato Assessore durante la nostra gestione e di aver deciso tutto o quasi tutto negli ultimi dieci anni sul comune di Carinola. Adotta due pesi e due misure con la stessa società, la Sacom degli Orsi di Capua. Per il cimitero non muove un dito, anzi sposta i custodi comunali, per la pubblica illuminazione ritarda e poi decide per l’arbitrato.

«La verità è un’altra. Russo e Marrese stanno portando, con la loro azione politica, il comune al dissesto finanziario, adesso per fare cassa hanno raddoppiato la tassa sui rifiuti, domani raddoppieranno l’acqua e tra qualche anno sarà difficile persino morire ed essere seppelliti nei cimiteri di Carinola da buoni cristiani. Se non sanno dove aggrapparsi potrebbero dimettersi, evitando il dissesto al comune di Carinola».

Parole piccate e altrettanto dirette, che potrebbero invitare qualcuno ad una circostanziata risposta

—–

 

4 thoughts on “Situazione debitoria del comune di Carinola: Russo o Mannillo, chi avrà ragione?

  1. AvatarAnonymous

    Potreste accusarmi anche del terremoto di Messina, così funziona in politica e nell’anonimato, ma sull’aumento dei rifiuti non ho alcuna responsabilità. Ne 2009 impegnammo 320.000,00 in più rispetto al pos per pagare Selleccola. Le bollette sono arrivate con il commissariamento. Da allora non so come hanno fatto a far riemergere i debiti con la società dei rifiuti. Negli anni successivi sono state sempre accantonate somme per pagare il contenzioso. Per quanti anni abbiamo pagato e pagheremo l’intervento di Selleccola? Chiaro che si tratta di una strumentalizzazione di marcantonio. Un saluto, Gennaro Mannillo.

    Reply

Lascia un commento