Cimitero Centrale di Carinola: bene pubblico esempio per il privato!

Le incessanti piogge di questi giorni stanno lasciando i propri strascichi: questo è il Cimitero Monumentale di Nocelleto poche ore fa allagato totalmente o quasi. Certo un’abbondante pioggia, o più giornate di piogge non sono mica colpa dell’Amministrazione o di chi ha in gestione i cimiteri del comune di Carinola, ma i fili elettrici scoperti non dipendono da un eccezionale evento atmosferico ma da una mancata o inadeguata manutenzione quotidiana!

Giorni ha fa il fiume Savone ha rotto gli argini mettendo a nudo una volta di più  la mancanza di una politica di prevenzione e di irreggimentazione delle acque che sarebbe il vero investimento da fare in Italia, per quello sarebbe giusto sforare il “Debito” di ben oltre il 3% ma invece no da noi si pensa a distribuire (regalare!) soldi col reddito di cittadinanza, ma queste sono scelte governative è vero, in realtà però le Amministrazioni locali ben poco fanno per costringere i proprietari terrieri a una corretta manutenzione di ciò che è di loro competenza, ma adesso…

Adesso è evidente dal menefreghismo che il Comune adotta per la cura di un bene proprio, che nessuno sarà mai invogliato a curare il proprio: perché preoccuparsi se questo è l’esempio che ci viene dall’alto?

Cimitero Monumentale di Nocelleto, ore 17 circa

comments

3 thoughts on “Cimitero Centrale di Carinola: bene pubblico esempio per il privato!

  1. Anonymous

    “Il grado di civiltà di un popolo, scriveva Foscolo, lo si desume dal rispetto verso i morti”.
    Se questo è vero, allora non siamo messi bene.
    Babalena

    Reply
  2. ,mo te lo Rico in Casalese non parlammo de amonnezza

    Ma il governo centrale mi fate ridere ma la riscossione delle super tasse che paghiamo che fine fanno siate coerente la scuola a Carinola non è agibile soldi buttati soldi per la ristrutturazione de palazzo a Carinola la gestione del,acqua la gestione del cimitero a ditte esterne

    Reply
  3. Anonymous

    Se questo è un cimitero…
    Se questo è il luogo in cui tutti, prima o poi, ci ritroveremo.
    Se questo è il fazzoletto di terra in cui si compie l’uguaglianza .
    Se questo è il luogo in cui riponiamo le spoglie mortali dei nostri cari perchè riposino per l’eternità.
    Quello che si vede in foto è davvero il risultato della migliore gestione di questo luogo sacro per tutti che ci possiamo augurare?
    Davvero io non ci credo

    Reply

Rispondi a ,mo te lo Rico in Casalese non parlammo de amonnezza Cancella risposta