Carinola mia, continuerai a farti scegliere o finalmente sceglierai?

Con un Avviso Pubblico del Settore Affari Generali il comune di Carinola ha manifestato l’intenzione di affidare in concessione l’Auditorium Comunale dal 15.2.2021 al 31.8.2021, invitando i soggetti interessati a manifestare la propria intenzione di prendersi cura dei locali dell’immobile del patrimonio immobiliare del Comune, entro le ore 12:00 del giorno 10 febbraio 2021, attraverso le solite modalità (PEC e consegna a mano al Protocollo del Comune).

Sono in consegna in questi giorni, brevi manu da un addetto del Comune, le bollette del saldo Ta.Ri. 2020, pagamento annunciato sì lo scorso 13 gennaio quando la terna commissariale decise che era il caso di «procedere alla riscossione del saldo TARI 2020 in un’unica soluzione con scadenza il 31 gennaio 2021», normalmente dovuto d’accordo, ma richiesto, senza rateazione alcuna, a poco più di due mesi dall’estinzione del rateo del acconto 2020.

Questi due ultimi esempi, unitamente alla “fretta” per l’attivazione delle procedure di assunzione di tre vigili Urbani e due impiegati, procedure che presumibilmente troveranno compimento quando si sarà già insediata la nuova Giunta, e infatti è stato assunto un Comandante pro-tempore dei Vigili Urbani considerata l’urgenza, sono la prova provata, una delle tante e soltanto tra le più recenti, del TOTALE FALLIMENTO DELLA PASSATA AMMINISTRAZIONE E DI CHI HA CERCATO DI APPOGGIARLA PER UN PERIODO LUNGO O BREVE CHE SIA, e anzi, per dirla tutta, di un modo raffazzonato, alla carlona e senza nessuna organizzazione, precisione o lungimiranza e con un lassismo elevato ad arte da una certa classe politica: non facciamo mai nomi, né mai ne li faremo, perché il modo di intendere la politica non deve diventare mai un fatto personale!

Ci si era ridotti non solo con il personale al lumicino, ma anche nell’impellente necessità di immettere denaro liquido nelle esangui casse comunali affidandosi al vecchio rimedio di tassare il popolo. A questo punto due domande sorgono logiche e spontanee:

1. Perché non si assumeva? Ci è stato dimostrato che non è vero che «Non ci sono soldi!», ritornello preferito degli ultimi anni, forse non ci si accordava o si aspettavano le elezioni per un maggior ritorno in termini di voti?

2. Ma una volta non era iniziata una lotta all’evasione delle tasse comunali? Ci piacerebbe sapere a quanto ammonta questa evasione e dov’è maggiormente localizzata!

Eh sì, bisogna proprio riconoscere che i commissari stanno facendo fino in fondo il loro “sporco” lavoro, ma per sporco intendiamo “impopolare ma necessario”, un lavoro a cui siamo stati abituati dalle esperienze passate, un lavoro affidato loro dalla legge visto che devono lasciare un Comune loro affidato con i conti in ordine. Guai quindi a quel Comune che scivola nell’abisso del commissariamento, spesso invocato come un refugium pecatorum ma da evitare come la peste per le tasche degli cittadini, anche se poi si dimostra latore di un modus operandi preciso e quasi militaresco da prendere a modello per ogni futura Amministrazione.

È anche pensando a questo lascito che ci corre l’obbligo di ringraziare i vecchi amministratori che con le loro beghe poltroniere ci hanno trascinato nelle fauci del leone, un leone che si comporta con correttezza e senza guardare in faccia a nessuno, ma pur sempre duro e poco gradito.

Il fatto è che nonostante tutti questi fallimenti la corsa per la carica di Primo Cittadino di Carinola si ripresenta sempre uguale a sé stessa, deprimente come cinque anni fa, come se nulla fosse successo, con i protagonisti che, incuranti di aver fallito alla prova della concretezza e anzi millantando presunti successi, rialzano la testa, con un po’ di belletto in più magari, e coraggiosamente, anzi sprezzantemente, si ripropongono proprio come un cibo difficile da digerire, un cibo che non vuole saperne di completare il proprio ciclo naturale e ritorna su con sgradevoli conseguenze. Che pretesa, che arroganza! Anche sir Winston Churchill, che dopo la guerra fu bocciato alle elezioni, ebbe problemi con il corpo elettorale, nemmeno lui fu rieletto come se fosse un atto dovuto, eppure ne aveva di motivi per agognare una riconferma visto che aveva sconfitto il Nazismo!

Come nelle ultime due tornate elettorali carinolesi, anche quest’anno ci potrebbe essere una spruzzata di novità, un AZIONariato giovanile che potrebbe trasformarsi in elemento fastidioso per tutti, anche se a quanto sentiamo stanno cercando tutti, nessuno escluso, di trasformarli in “utili idioti” negando a questi giovani, che qualcuno continua sprezzantemente a chiamare “ragazzi” quasi a volerli sminuire ab origine, qualsiasi capacità di discernimento intellettivo.

È ovvio che la paura di certi “vecchi”, absit iniuria verbis visto che semanticamente vecchio è il contrario di giovane, è appunto la loro gioventù che cercheranno disperatamente di far passare come inesperienza, che magari sarà pur vero però di fronte ad un effettivo e totale cambio di mentalità, necessaria ma purtroppo non sufficiente visto che a quanto pare il corpo elettorale di Carinola è saldamente ancorato ai soliti vecchi blocchi “Dibiasiano” e “Grimaldiano”, questa è pur sempre preferibile agli sfasci del passato, anche se non bisognerà mai accantonare del tutto l’esperienza perché solo dagli errori del passato si impara a fare meglio nel futuro. Anche cinque anni fa qualche giovane ci riempì di speranza per poi dimostrarsi peggiore degli altri a riprova che la Carta d’Identità non è certo il distintivo del buon amministratore.

È rischioso credere nei miracoli, le delusioni sono sempre dietro l’angolo, ma in ogni caso questi sono pur sempre possibili. Tutto starà a vedere se Carinola, parafrasando il grande De André, finalmente la smetterà di farsi scegliere, come se fosse un gioiellino della corona da trasmettere ai propri eredi consanguinei e non, e finalmente comincerà a decidere in maniera autonoma, consapevole delle nefaste conseguenze che può aver anche a distanza di anni un voto regalato a cuor leggero.

3 thoughts on “Carinola mia, continuerai a farti scegliere o finalmente sceglierai?

  1. AvatarAnonymous

    A chi mi chiede se in negativo o in positivo… Rispondo… Ci pensi… E troverà la risposta.

    Reply

Lascia un commento