Carinola, nonostante tutto, un Comune libero

Tanti anni e tante amministrazioni diverse, molti degli stessi “protagonisti” delle passate fallimentari giunte, battono già da tempo i marciapiedi per accreditarsi per il prossimo quinquennio, conquistare la “guida” del Comune, passando con disinvoltura assoluta ora a stare di qua e domani a rinnegare se stessi, ma nessuno di essi ha mai mosso un dito per immaginare di creare un’isola ecologica ove poter conferire rifiuti ingombranti, rifiuti speciali ed altro tipologie di rifiuti non compatibili on la raccolta porta a porta.

È chiaro che in discussione non c’è solo l’isola ecologica ma disimpegni e negligenze totali. No problem! Ci pensa il cittadino “fai da te”, così in ogni angolo del nostro territorio comunale puoi trovare un’accogliente isola ove puoi “vomitare” di tutto: puoi abbandonare rifiuti inerti, rimanenze di vernici, puoi bruciare ovunque vecchi materassi e gomme di auto, quintali di plastica proveniente dagli scarti di quella usata in agricoltura e poi ancora abiti consunti e scarpe vecchie e comunque ogni cosa che ti appare fastidiosa oppure ti è di troppo, purché non ti faccia notare.

Mi raccomando non dimenticare, come detto, molti di questi personaggi tra qualche mese, qualcuno in verità già ha iniziato a farlo da tempo, anche con colloqui di lavoro o soluzione di problemi di ” altro genere ” e sempre per tuo bene, verranno a bussare alla tua porta per chiederti il voto che ti consentirà di poter esprimere tutta la tua “libertà” tutto il tuo “arbitrio”, non perdere l’occasione, prometti, ma soprattutto conferma poi loro la fiducia con il voto e vivrai in un Comune “libero”, tu stesso potrai continuate a fare quello che vorrai, per questo sarai una ” rispettata ” persona libera, come sempre lo sei stata… e continuerai a vivere in un Comune ove non ti sentirai affatto umiliato nel raffronto concon gli sprovveduti cittadini di Comuni confinanti che hanno l’ardire di cambiare e restii a colloqui di lavoro e restii a scorciatoie per la soluzione di problemi di “altro genere”, forse perché a loro interessa più una visione di bene comune che un volgare ed improbabile vantaggio individuale che si riverbera in danno della collettività.

Lorenzo Razzino

6 thoughts on “Carinola, nonostante tutto, un Comune libero

  1. AvatarAnonymous

    Quello che scrive questi articoli è da 4 lustri filogovernativo.
    Ed ha il coraggio anche di parlare .

    Reply
  2. AvatarAnonimo

    Le regole sono quelle che rendono una vivibilità civile. Ma se i vigili non ci sono telecamere non funzionano. Che comune meraviglioso

    Reply
  3. AvatarAnonymous

    in questo Comune i “RATTI” fanno meno danni di questi “protagonisti”, mi auguro che battano i marciapiedi a vita senza ottenere in cambio un solo voto, perchè un solo voto è di troppo.

    Reply
  4. AvatarAnonymous

    squallidi protagonisti senza coscienza e pudore, (e con mediocre intelletto) altrimenti starebbero rintanati in casa, altro che marciapiedi!!!

    Reply
  5. AvatarAnonymous

    hanno indebitato fino all’osso un comune, di conseguenza ogni singolo cittadino, hanno distrutto un’economia, hanno letteralmente oscurato i sogni giovanile di un’intera generazione, hanno solo ed esclusivamente coltivato il loro personale orticello, (chi vuole candidare la propria prode, chi la moglie, chi i cugini, chi l’amico, chi i nonni e bisnonni etc.).
    Hanno ancora la faccia di parla (di cosa?).
    Fatela finita, avete stancato, credo che sia arrivata l’ora di andare a lavora.
    di ulteriori danni questa comunità non ha bisogno.
    IATE A FATICAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    Reply
  6. AvatarAnonymous

    Questi “protagonisti” sono lo specchio di noi miserabili elettori.
    I governanti siamo noi chi ci “rappresenta” istituzionalmente altro non è nella fattispecie che “l’immagine di noi stessi”, quella di cui ci vergogniamo riflessa nello specchio della nostra povertà intellettuale e morale.
    “I MISERABILI SIAMO NOI” e dalla nostra miseria tiriamo fuori il peggio che servilmente quanto spudoratamente accettiamo e alimentiamo.
    Come pretendere che dal fango in cui siamo atavicamente impantanati e che non bonifichiamo sia possibile emergere MIRACOLOSAMENTE CANDIDI.
    Oggi si può solo scavare tra le macerie per salvare il salvabile.
    Carinola nel Cuore

    Reply

Lascia un commento