I canti della passione

Nella Settimana Santa di Pasqua, un po’ dappertutto, si celebra il ciclo di rievocazione della Passione e della Morte di Cristo.
Nella Passione si rievoca il tradimento, da parte di Giuda, la cattura e la crocifissione di Gesù Cristo.
In Campania, in diversi centri, il Venerdì della Settimana Santa si svolgono le processioni dei Misteri e le Sacre Rappresentazioni, secondo l’antica usanza lasciata in eredità dagli spagnoli (esempio importante la vicina Sessa Aurunca).
La sera del Venerdì Santo, c’è a Casale di Carinola la vecchia usanza della solenne Processione del Cristo Morto, accompagnato dalla statua dell’Addolorata.
La vicenda del dolore di Maria si intreccia con le vicende della Passione, la processione è accompagnata dai canti religiosi qui riportati che svolgono il tema della passione di Cristo e il tema del pianto della madonna addolorata. Cantati in tono asciutto e struggente in stretto vernacolo, s’inseriscono in una tradizione di memoria secolare tramandata oralmente tra le varie generazioni.
Da alcuni anni la processione, sempre molto partecipata, è resa ancora più solenne nella sua tragicità, dalla riscoperta dei canti corali delle canzoni della passione.

[accordion]

[accordion_section number=”64″ title=”Parte Maria”]parte Maria ru gioverì sando
piglia le veste se ne ia ‘nzando
cu le sue surelle ‘ngumbagnia
ia chiagnenne pe’ tutta la via
scundava nu giureu vestutu bianco
che hai Madre Maria ca sempre piangi?
ca io ce piangiu che ci aggiu relore
ce r’aggiu perze ru mio figliolo
Tu r’ ai perze nui r’avimma llato
vecina a na culonna sta legato
cu cientumiglia frusta sta frustato
cu cientumiglia rose sta bagnato
parte Maria va ‘nGerusalemme
la ce le trova le porte ‘nzerrate
ricenne figlio miu viemma rapine
ca i su chella mamma sbendurata
Ohi mamma mamma ‘nde pozza rapine
ca ri giurei me ci annu legato
cu cientumiglia frusta sto frustato
cu cientumiglia rose sto bagnato
quannu Maria sente sta nuvella
stea la llerte care morta ‘nderra
corre Santa Bellonia cu tanta forza
sussimmula Maria sta ‘nderra morta
currete tutte quanta le verginelle
sussimmula Maria sta morta ‘nderra
Sta raziona c’avimmu candata
la morte re Gesù ssa presendata
ssa presendata cu devezione
la morte re Gesù Nostro Signore
piangete i peccerigli i ruosse grandi
Gesù c’è muorta ri trentatrè anni
Mo se scurisce ru ciele la terra
ru figlio de Maria mo se fracella
Mo se scurisce la lune ru sole
ru figlio de Maria mo se ‘ngorona
Mo se scurisce ru ciele r’ abbissu
ru figlio de Maria sta ‘ngrocefissu[/accordion_section]

[accordion_section number=”2″ title=”Le vintiquattore”]N’ora de notte Cristu natu sei
facea la cena Jura Nisareo
E mende che Gesu ru ia penzennu
Jura ru trarimenne preparennu
E mende che Gesù l’avea penzato
Jura ru trarimenne preparato
A le doi ora ce ri cunfessette
a le tre ora ri cummenichette
Le quattu le cinga agli uortu se n’andava
a farese la Sant’Orazione
Le sei dar cielu ‘nAngelu calava
pe’ cunvertì ru justo vero Dio
A le sett’ora na truppa rrivava
Gesù co le sue mani l’arrenneva
Le ott’avette ru schiaffu respiatato
la Facci Sacratissima de Dio
Le nove fui da tutti martrattato
come peccata avesse canusciuto
le rieci da pazzu fu pigliato
Gesù tuttu de janco ia vestuto
Le unnici fu missu ‘ngarcerato
le durici fu ‘ngasa de Pilato
le tririci ‘na culonna fracellato
spina pungende re malefattore
spina pungende re malefattore
fu ‘ngurunata le quattordiciore
le quinnici ri Scribbe Farisei
saziu nun era chigliu popul ebbreo
le sirici r’avette nu gran delore
le ricisette ri duneru la Croce
le riciottu ru metteru ‘ngroce
le ricinnove puri ‘ngroce steva
le vint iette la Mamma respiatata
a piange sotta ru Legnu de la Croce
a piange sotta ru Legnu de la Croce
ricenne già si muorto Figlio mio
a le vintunu jacqua addimmannava
risponne chigliu cane re Pilato
risponne chigliu cane re Pilato
ratera bevva st’omme scalemato
cauci citu e fele stemperero
a bevva a Gesù Cristu ce ne rero
cauci citu e fele stemperato
a bevva a Gesù Cristu r’annu rato
le vintirui r’avette ‘na langiata
ru Cuorpu Sacratissimo de Dio
le vintitrea ce fui sciuato
‘mbraccia a Maria Vergine fui purtato
le vintiquatta ru zebbullicu sando
le campanelle cene re strumendi
quannu ru sacerdote rice Sando
rurammucia ru Santissimo Sacramento[/accordion_section]

[accordion_section number=”3″ title=”Ru pianto”]Cumme piangea Maria povera ronna
mo che ru figlie giuto a la condanna
nu ‘nzerva chiagne chiune ca no retorna
c’è giutu ‘ngasa de Pi ilato Janna
Sienti ru piando che fa a la Maronna
Curri Giuanni e cu nzola Maria
curri Giuanni ca tanto amor mi porti
trova ru fliglio mio u vivo muorto
o vivo muorto noi lo troveremo
la casa de Pilato nui ci anderemo
ricenne Pilato jautu ute gentile
rammigliu pe pietane ru figlio mio
si Tu Maria si ‘nde ne ne vai da ccane
ca ru tuo figlio ‘nde ru u pozzu rane
ca la Maronna se pa artiu da llane
piangenne e lacrimennu u pe la via
ricenne figlio mio cumm’ aggia fane
putesse i da ste pene ru libberane
Mamma mo te ru rico cumm’aia fane
la casa de Califasso tu ci aia ine
ricenne Califasso jautu ute gentile
rammigliu pe pietane ru figlio mio
Maria si vuo’ rinari i da cundane
ca ru tuo figlio ‘nde ru u pozzu rane
ca la Maronna se pa artiu da llane
piangenne e lacrimennu u pe la via
ricenne figlio mio cumm’aggia fane
putesse i da ste pene ru libberane
Mamma mo te ru rico cumm’aia fane
a la casa de Jura tu ci aia ine
ricenne Jura jautu ute gentile
rammigliu pe pietane ru figlio mio
Si Tu Maria si ‘ndene ne vai da ccane
peggiu de ru tuo figlio te facciu fane
na torta ‘nganna te vo ogli attaccane
risponne Gesù Cristu u da la Croce
a me potite fane quando volete
ma la mia Madre no la a toccherete
sciogliu nu lacciu da sti i miei capelli
v’ attaccaria si fo ossite mille
Mo se scurisce ru cie ele la terra
ru flglio de Maria mo se fracella
mo se scurisce la lu une ru sole
ru figlio de Maria mo se ‘ngurona
mo se scurisce ru cie ele r’abbissu
ru figlio de Maria sta ‘ngrocefissu[/accordion_section]

[/accordion]

[waveplayer size=”sm” autoplay=”true” wave_compression=”4″ shape=”circle” ids=”15895″]

G.Napoletano

Lascia un commento