Casale di Carinola: alla ricerca del lampione perduto… e altro!

Molti mesi fa (esattamente 1 anno e 5 mesi) segnalammo in un articolo, Casale di Carinola, la distruzione della bellezza!, la sparizione di un lampioncino del centro storico del paese, non sappiamo se a seguito di un furto o di un fortuito incidente con qualche mezzo pubblico o privato avvenuto già da un po’ di tempo, e aggiungevamo che…

Pur con i limiti propri di un piccolo paese del Sud, pur con lo spopolamento galoppante che lo sta uccidendo, pur con la mancanza di servizi efficaci e veloci e soprattutto sproporzionati allo spesso fastidioso livello di un’elevata tassazione, diciamo la verità Casale è un bel luogo dove vivere

… NULLA È CAMBIATO! Ora però ci rendiamo conto che vien sempre di più la voglia di cambiare quell’affermazione fatta con ingenua certezza (è un bel luogo dove vivere) in una frase dal tono più dubitativo ma realistico (sarebbe un bel luogo dove vivere), e tutto ciò a causa di un immobilismo che contribuisce al peggioramento generale. Chi è animato da questo immobilismo, anche se in verità l’ animazione presupporrebbe un sia pur minimo movimento che al contrario non c’è?

Ma non solo!

Passeggiando per il paese ci siamo accorti della costante, imperitura quasi, presenza di ben altri sconci, ben più evidenti ma fortunatamente molto più recenti: fortunatamente perché sono alquanto pericolosi per l’incolumità pubblica.

E' via dei Ciliegi o un circuito di Formula 1?
Via dei Ciliegi: non è un tantino pericolosa questa transenna “dimenticata” là da oltre dieci giorni?

 

 

Via dei Ciliegi
Via dei Ciliegi. Altro esempio di lassismo: rattoppo “provvisorio” non più asfaltato

… e pensare che si tratta di una strada asfaltata un anno fa!

Vogliamo poi parlare delle continue lamentele di cittadini che cercano di contattare il numero verde (800-561-704) per il recupero degli ingombranti e che anche dopo molti tentativi non ricevono risposta? Parliamo di cittadini che si sforzano di esercitare il loro senso civico, merce rara di questi tempi, e a gente che sicuramente avrà anche altro cui pensare non puoi dire semplicemente “riprova, sarai più fortunato”!

Molte altre cose purtroppo ci sarebbero da dire ma, dunque, vediamo: siamo di fronte ad arredi urbani del centro storico del paese scomparsi e mai più rimpiazzati; strade lasciate in pessime condizioni; mancato funzionamento di uno dei tanti servizi di civiltà la cui attivazione è sempre stata promessa ma il cui funzionamento procede solo a singhiozzo, se va bene, nonostante i continui aumenti della Tassa sui Rifiuti Solidi Urbani: dopo aver toccato con mano tutto ciò, ripetiamo… DI CHI È LA COLPA? La risposta è evidente ma datela voi, a noi comincia a sembrare di sparare sulla Croce Rossa!

Non lamentiamoci se poi tocchiamo con mano che l’ “istituzione chiesa” è l’unica davvero funzionante dalle nostre parti: è brutto dirlo perché la fede non andrebbe vissuta così, ma dobbiamo mestamente renderci conto che la chiesa e le processioni riempiono spazi lasciati colpevolmente scoperti da altri, dai veri e propri Enti Istituzionali. È un caso se nel nostro paese una delle poche cose che fa bella mostra di sé e viene costantemente curata, è il Monumento ai Caduti, pochi metri quadrati di suolo cittadino, dato in “adozione” e pertanto non dipendente più, almeno totalmente, dal Pubblico?

Un'immagine laterale del Monumento ai Caduti
Un’immagine laterale del Monumento ai Caduti

—–

 

6 thoughts on “Casale di Carinola: alla ricerca del lampione perduto… e altro!

  1. AvatarAnonymous

    tre extraterrestri “due assessori e un consigliere” e questo paese e vedovo di padre

    Reply
  2. AvatarAnonymous

    ullallà ullallà è scappata la lanterna, cerca di qua, cerca di là chi là vista?

    ” che c’è frega i caz..i nostri vanno bene”

    Reply
  3. AvatarAnonymous

    Tutto giustissimo, però lodare la Chiesa come unico “ente” che movimenta il paese per delle processioni, mi sembra un po’ troppo. La Chiesa (con la “C” maiuscola) dovrebbe occuparsi anche di altro (famiglie disagiate, immigrati (su indicazione del Papa), ecc.). E’ facile fare le cose chiedendo continuamente alla popolazione oboli di vario tipo…Preciso che, con queste parole, non voglio assolutamente difendere la nostra classe politica che, definire oscena, è fargli un complimento.

    Reply
    1. Avatarcasaledicarinola.net Post author

      Caro amico, se tu avessi letto bene e con una certa attenzione ti saresti reso conto che la nostra non è una “lode” come dici tu, ma la semplice constatazione di una evidente realtà, una, se vogliamo, triste realtà, tanto è vero che diciamo in maniera chiara, ed è evidenziato in neretto, che <>.
      Se poi a tutti i costi vuoi negare questo stato di cose e dire quello che vuoi, attribuendoci parole che MAI abbiamo neppure pensato, accomodati pure vuol dire che ce ne faremo una ragione.

      Reply
      1. AvatarAnonymous

        I lettori/scrittori di questo sito hanno tutti o quasi un brutto difetto: non gli si può muovere una critica che subito passano all'”offensiva”…Mah… Mi rattrista dover constatare che, su un sito dove tutti dovrebbero essere liberi di dire ciò che pensano, in realtà si può solo appoggiare quanto viene affermato. Sarò io a farmene una ragione….Inoltre, la tua risposta non entra nel merito della questione che io volevo sollevare: come mai, a parte il Grest, la Chiesa non si occupa d’altro se non di processioni?

Lascia un commento