Il comune di Carinola alle prese con il manuale Cencelli. Si redistribuiscono gli assessorati

Il solo fatto che nelle stanze del palazzo comunale in questi momenti si stia discutendo dell’ennesimo rimpasto della Giunta comunale, “rubando” in pratica del tempo ai problemi che assillano il comune di Carinola, ci fa riflettere sull’effettiva sostanza degli amministratori che due anni fa abbiamo scelto.

La si vuole nobilitare col nome di “azzeramento della Giunta” ma a quanto pare sembra l’ennesimo episodio di inciucio, trasformismo o, nella migliore delle ipotesi, tradimento degli impegni elettorali e superamento di quegli steccati legittimamente imposti dal corpo elettorale.

Si continua a dire che se ne parla solo adesso che sono stati superati i problemi primari della gente, ma è evidente che ciò non sia vero visto che siamo vicinissimi al baratro del dissesto comunale, siamo un comune senza il fondamentale strumento del piano regolatore, il cosiddetto PUC, che in pratica equipara Carinola a una zona Bianca  dov’è impensabile ogni sviluppo dal punto di vista della fabbricazione ma che comunque è sottoposta alla tassazione su quei terreni fabbricabili, assunzione che, manco a dirlo, ricade sulle spalle di noi poveri cittadini. Vogliamo poi parlare delle problematiche “rifiuti”, “cimitero”, “viabilità”, servizi primari come “acqua”, “educazione scolastica”, “decoro urbano”, elementi propri di un vivere civile e dell’esagerata tassazione su ogni tipo di servizio che comunque non viene erogato? Stendiamo un velo pietoso tralasciando di parlarne a fondo.

Ma tant’è, rassegniamoci, qualcuno ha deciso che queste sono le cose importanti di un’amministrazione  che comunque fa acqua  da tutte le parti e in ogni caso sarà così fin quando Carinola non imparerà a scegliere ma continuerà a farsi scegliere!

rinascimentocarinolese 

carinolaprimaditutto 

comments

2 thoughts on “Il comune di Carinola alle prese con il manuale Cencelli. Si redistribuiscono gli assessorati

  1. Anonymous

    bisognerebbe lanciare un referendum ” l’esilio dal suolo comunale per tutta questa gente o no?”
    sono convintissimo che vincerebbero i si.
    solo così il Comune ha una speranza di salvezza.
    nel 2018 ci sono politici che adottano sistemi da democrazia cristiana degli anni settanta,
    E’ VOMITEVOLE

    Reply
  2. Anonymous

    PREGHIERA
    Dio, mio Signore, ti prego, dammi la saggezza per poter comprendere questi politicanti;
    l’amore per perdonarli e sopportarli;
    perchè o mio Signore, se ti chiedessi la forza,
    li ammazzerei di botte!
    Amen

    Reply

Lascia un commento