Acqua non potabile e negozi chiusi in alcune zone del carinolese

Pubblicato all’Albo Pretorio il divieto dell’utilizzo dell’acqua per scopi potabili e alimentari, in tutto il territorio relativo alla frazione Casale, Croce di Casale, San Donato, Ventaroli, San Ruosi, Borgo Fava e Borgo Migliozzi. L’utilizzo dell’acqua è consentito esclusivamente per usi domestici e per l’igiene della persona.

Tale Ordinanza Sindacale inoltre vieta alle attività produttive e commerciali che non dispongano di fonti di approvvigionamento alternativo di acqua potabile la prosecuzione delle attività produttive e commerciali ubicate nelle frazioni suddette.

Tutto ciò per la non conformità di un campione di acqua prelevato presso un fontanino pubblico in loc. Casale di Carinola per la riscontrata presenza di Ferro e Manganese in quantità superiore agli standard, nelle analisi effettuate dal Dipartimento di Prevenzione U.O.P.C. Ambito n. 4, e comunicate il 30.04.2020.

Saranno effettuate ulteriori analisi su campioni prelevati da fontanini pubblici presenti sull’intero territorio comunale, e a tale scopo è stata contattata una ditta specializzata per il prelievo e le analisi di laboratorio specifiche.

 

comments

8 thoughts on “Acqua non potabile e negozi chiusi in alcune zone del carinolese

  1. Anonymous

    L’acqua, avevamo buona a Casale, e pure quella siamo stati capaci di distruggere.

    Reply
  2. Anonymous

    In questo sito non ho mai visto un’articolo che parla bene di casale o di paese limitrofi sempre a parlare male,mai qualche elogio per qualcosa.

    Proprio vero solo l’acqua buona avevamo buona

    Reply
  3. Anonymous

    Che incompetenti, ignoranti… Non sapete scrivere nemmeno una delibera sull’Albo Pretorio (la data è sbagliata “5 Aprile 2020”)… “Ritenuto di dover provvedere subito vista l’urgenza del caso … per la tutela della salute pubblica…” La delibera è stata datata cinque giorni dopo (5 Maggio)… Solo con il sollecito dei cittadini che hanno appreso la notizia dal sito ed hanno allertato i Carabinieri ed i Vigili Urbani forse oggi si comincerà ad avvertire la popolazione (qualcuno si prende la briga di dare un’occhiata all’Albo Pretorio Comunale, semplici cittadini mica assessori o consiglieri comunali, di maggioranza o di opposizione)… INCOMPETENTI, IGNORANTI, INCAPACI….e pure PERICOLOSI….

    Reply
  4. Anonymous

    Il Comune è stato informato della presenza di ferro e manganese nell’acqua in data 30/04 e impiega 5 giorni per avvisare la popolazione?

    Reply
  5. Anonymous

    Vorrei sapere… Ci metta la faccia chi dice che qua si critica solo il paese ecc ecc, sei di parte per caso? Bevila tu l’acqua non potabile, mo ti devono da pure due soldi per aver avvertito, facciamo pace col cervello e rendiamoci conto che sia in un comune non degno di essere chiamato tale, che non tutela il Cittadino che paga e continua a pagare le tasse, vorrei dire a te che hai criticato, chiedi al sindaco se fosse capitato a Nocelleto. A me non interessa perchè per fortuna non abito in questo comune, e tu dirai… Fatti i fatti tuoi, eh no… Ci abitano i familiari!!!!!!!! VERGOGNA!!!!

    Reply
  6. Anonymous

    alle prossime amministrative, dì ai tuoi familiari di non votare sta gente, se davvero “AMI IL TUO PAESE”

    Reply
  7. Anonymous

    Non solo l’acqua a Casale, (Vedi Circunvallazione), ma è mai possibile in un Comune dove si effettuano lavori pubblici per giunta non commissionati dall’ente, non c’è un tecnico comunale,un assessore, un consigliere (uno stronzo) che verifichi almeno la sede stradale se è eseguita bene o male? ma come cazzo è possibile che si pensi solo a stronzate per raccattare qualche voto.
    risultato l’unica strada un po decente a Casale oggi è al limite della praticabilità, ” E QUESTI DORMONO BEATI TRA DUE GUANCIALI” ecc.ecc. VERGOGNATEVI prendete pure lo stipendio VERGOGNA

    Reply

Lascia un commento