Casale di Carinola: “INFOPOINT” per San Paolo

A poche decine di metri dalla Cappella di San Paolo Apostolo a Casale di Carinola è stato montato un Infopoint a bacheca, uno di quelli presenti nei Parchi Naturali o davanti a un monumento. Tale installazione consiste in un pannello di legno ricoperto da una tettoia a spiovente ed è fissata al terreno con due pali verticali e dei supporti in acciaio: sul pannello sono esposti 6 fogli plastificati in formato A3 che riassumono la storia di San Paolo, e quindi la sua biografia, il suo passaggio a Casale e la conseguente secolare tradizione che annualmente si rinnova tra vino e lupini.

L’abbiamo chiamato semplicemente “Infopoint a Bacheca” ma in realtà ha anche qualche elemento, per così dire, “virtuale”: infatti oltre alla storia e alla tradizione già stampata, si potrà accedere tramite i due QR Code presenti sulla pagina finale a un articolo residente on-line su casaledicarinola.net, continuamente modificabile ogni qualvolta ce ne sarà bisogno, e a un’audioguida multilingue gentilmente offerta dall’Associazione AlphaLab cms.

Visioni laterali e frontale dell'INFOPINT
Visioni laterali e frontale dell’INFOPOINT

Veniamo ora ai materiali usati e ai costi. sostenuti dal casalese “Gruppo Parrocchiale Del Presepe”.

17 euro sono stati spesi per la vernice;

15 € per i supporti in acciaio

20 € per la fioriera in plastica, materiale necessario perché isolante, ricoperta da legno, materiale molto più ecologico e che meglio s’inserisce nell’ambiente naturale che circonda la bacheca;

7 € per la stampa e la plastificazione di 6 fogli A3;

20 € per il plexiglass che ricopre i fogli plastificati su cui è stampato il testo;

Il legno, la parte più abbondante ed immediatamente più visibile della bacheca, è stato recuperato da materiale del presepe fatto nella chiesa madre della parrocchia SS. Giovanni e Paolo di Casale di Carinola pochi mesi fa.

Infine un doveroso accenno agli autori dell’Infopoint: si tratta di Francesco Anfora, don Luciano Marotta, Giuseppe Napoletano, Novelio Santoro, Armando Traglia e Mario Ullucci.

Poco più di 100 € quindi (conteggiando anche gli addobbi floreali) e un po’ di buona volontà per un inizio di promozione territoriale.

Un po’ di foto della mattinata odierna caratterizzata da un tempo inclemente e da fastidiosi scrosci di pioggia, che hanno fatto costretto a prolungare più del dovuto un lavoro di rifinitura che in realtà era stato minuziosamente preparato nelle settimane addietro.

—–

 

2 thoughts on “Casale di Carinola: “INFOPOINT” per San Paolo

  1. AvatarAnonymous

    Un bravo a tutti, davvero bella l’idea e la realizzazione finale. Casale può riemergere dalla melma solo in questo modo, con la buona volontà delle persone che lo abitano.

    Reply
  2. AvatarAnonymous

    In tutto questo, la pro loco dove sta?
    Comunque un grazie di cuore a chi ci sta provando, pure nelle piccolissime cose come queste, a dare una boccata di ossigeno ad un paese oramai moribondo.

    Reply

Lascia un commento