Arrivano i turisti: che cosa troveranno?

Sono passati più di 50 anni da quel caldo pomeriggio domenicale d’Agosto, quando il popolo Casalese onorò la propria protettrice donandole delle corone in oro, oro frutto di una raccolta spontanea tra l’umile e povera popolazione del tempo. Oggi, dopo 50 anni, ci si ritrova a rivivere un’esperienza unica ed emozionante, la famosa ciliegina sulla torta. Chissà che cosa direbbe il compianto don Struffi. La piccola cappella di Santa Maria, elevata a santuario. Un sogno che si avvera, forse la rinascita di un paese. Forse.

Qualche sera fa, durante la messa celebrata per la chiusura del mese mariano per eccellenza, don Luciano, nel comunicare che i lavori alla cappella procedono senza intoppi, per fortuna, auspicò pure l’arrivo di turisti, certo un turismo religioso, ma sempre di turismo si tratta. Questo non può che farci piacere, ma la domanda è: “che cosa troveranno i turisti?“. Certo, troveranno il santuario, per il quale verranno a Casale, ma poi?

Arriverà il pullman, si fermerà in piazza mercato, perché pure l’occhio vuole la sua parte, e ci si incammina. Ma dove? A destra o a sinistra? No, la piazza non è provvista di indicazioni verso luoghi di interesse storico-culturale (tipo cappella di San Paolo, Vignai, etc. etc.), mancano pure i cartelli che indicano la strada per il centro, non c’è un punto informazione.
Ora bisogna fare una considerazione. Secondo una ricerca dell’Istituto Nazionale delle Ricerche Turistiche, in Italia il turismo religioso pesa sull’economia nazionale l’1,5% sul totale dei flussi turistici, e si evidenzia come i principali fruitori siano gli adulti, che viaggiano principalmente in bassa stagione spendendo mediamente 52 euro al giorno: gli italiani spendono di più degli stranieri (rispettivamente 59 euro e 46 euro). Dove verranno spesi, questi 52 euro a Casale? Bho!!

Vabbè, poi si vedrà. Una volta usciti dalla piazza, bisognerà chiedere informazioni a qualche passante, se lo si trova, oppure al bar. Si inizia la salita verso il santuario, la penitenza deve essere completa quindi si va a piedi, anche perché non esiste un servizio navetta, almeno per ora. Sono solo 800 metri, per carità, ma in salita e se è vero quello che dice l’Isnart, per qualcuno l’ascesa potrebbe essere impegnativa; inoltre, siccome i bagni sono stati sì costruiti, ma giù al santuario, una volta scesi dal pullman, bisognerà affrontare la salita con la vescica piena, e sono dolori.

Ovviamente, per ora sarà un turismo mordi e fuggi, non ci sono sul nostro territorio strutture ricettive che possano assecondare eventuali richieste, e non ci sarà la possibilità, sempre per ora, di acquistare qualche souvenir.

Ma qualcosa oltre al santuario troveranno. Che cosa? Ecco quel che troveranno, quasi sicuramente e quasi sempre, fresca e tosta al suo posto.

 

PS: per qualcuno che volesse contribuire con qualche commento, sgombriamo il campo da equivoci. Questo scritto non ha nessuna intenzione di sminuire né l’operato del parroco né l’operato della/e commissione/i che si stanno impegnando in questa opera. E’ solo la constatazione di uno stato di fatto, innegabile e sotto gli occhi di tutti.

comments

10 thoughts on “Arrivano i turisti: che cosa troveranno?

  1. Anonymous

    mi fai pena
    un articolo del genere
    solo un genio poteva farlo
    se sei capace datti da fare

    Reply
    1. Anonymous

      Ti faccio pena? Bene, sai quanto me ne fotte, però sarei proprio curioso di conoscere il motivo di questo tuo sentimento. Ti ho offeso, ovvio indirettamente non conoscendoti, per fortuna, oppure ho offeso qualcuno di tua conoscenza o quello che ho scritto non è vero? Non è vero che oggi Casale non riesce ad offrire niente? Non è vero che le nostre strade sono perennemente sporche? Non è vero che la piazza parcheggio è una fogna?

      Reply
    2. Anonymous

      mi scuso…..non so come ho interpretato il tuo scritto, ma
      ce l’avevo con le immagini che mi hanno deluso perchè siamo
      tutti noi casalesi a fare schifo permettendo che queste
      cose avvengano …….la rabbia mi ha fatto sclerare non sopporto
      vedere il nostro paese ridotto così senza che nessuno intervenga….
      scusami non volevo offendere nessuno….

      Reply
      1. Anonymous

        Nessun problema, si tratta solo di analfabetismo funzionale, niente di grave.

  2. Anonymous

    Spero che qualcuno non si sia messo in testa la velleità di fare una nuova Pompei…….

    Reply
  3. Anonymous

    Turisti? Ammesso che ne arrivino….Spero vivamente di sì, ma credo, purtroppo, di no. Cosa dovrebbero visitare? E perché dovrebbero soggiornare a Casale? Vero, verissimo quanto scritto nell’articolo: purtroppo allo stato attuale le mancanze elencate ci sono tutte, ma non penso valga la pena di investire in “strutture ricettizie”. Certo, qualche cartello non guasterebbe…. Per il lettore che ha pubblicato il primo commento: ma che motivo c’è di offendere una persona accusandola di fare pena e di non darsi abbastanza da fare???!! Ha solo descritto la realtà e pensato di dare un contributo…

    Reply
  4. Anonymous

    Penso che sia tutto tempo perso e denaro buttato casale è destinato a finire come San Giuliano o al meglio come fontanelle niente più.
    C’è sfiducia nella gente scarso senso civico zero impegno menefreghismo assoluto i giovani più al di la di una canna o di un giro di birra non vanno. E tutti insieme esprimiamo classe politica che ci rappresenta. Mai un sussulto io scatto d’orgoglio’ quellostrappo finale di reni che ti permette d’arriverà primo al traguardo…..niente….

    La realizzazione del santuario diventerà un altra delle potenzialità inutilizzate un altra tappa delle passeggiate serali un altro luogo da insozzare e criticare periodicamente.
    Troppe sono le occasioni che abbiamo buttato a mare e userà ne diventerà un altra

    Reply
  5. Anonymous

    per salvare Casale bisognebbe cambiare il settanta per cento della popolazione,troppa gente appare per quel che in realtà non è

    Reply
  6. Anonymous

    bravo!!!!! hai colto nel segno. Casalesi? solo apparenza,formalismo e,purtroppo,maldicenza,tanta tanta maldicenza.frutto, haimè,della troppa,grande ignoranza!!
    Stiamo veramente conciati male.Speriamo che cambia qualcosa,in futuro…..prossimo!!!!

    Reply

Lascia un commento