L’appoggio di Carinola alla Coldiretti contro il CETA in difesa delle DOP e IGP

Anche l’Amministrazione di Carinola ha accolto le richieste della Federazione provinciale Coldiretti di Caserta ed ha emesso una Delibera per un’azione contro il trattato Ceta (Comprehensive economic and trade agreement) tra Unione Europea e Canada, un accordo economico e commerciale globale firmato il 30 ottobre 2016 cui il Parlamento europeo ha dato il proprio consenso il 15 febbraio 2017.

Scrive la Coldiretti che tale intesa «si pone come obiettivi fondamentali: procedere alla progressive liberalizzazione degli scambi assicurando alle merci dell’altra Parte il trattamento disposto a livello nazionale; avviare un’attività di riduzione o soppressione reciproca dei dazi doganali sulle merci originarie dell’altra Parte; assicurare l’astensione dall’adozione o dal mantenimento in vigore di divieti o restrizioni all’importazione merci dell’altra Parte o all’esportazione alla vendita per I’esportazione di merci destinate al territorio dell’altra Parte. II CETA è un accordo a natura mista per la cui entrata in vigore e necessaria la ratifica da parte di ciascuno Stato membro secondo le rispettive disposizioni nazionali».

Ma comunque in Italia è in corso di approvazione la legge di ratifica che secondo la Coldiretti sarebbe opportuno evitare, visto che «In realtà a fronte dei presunti benefici attesi, il CETA introduce sostanzialmente un meccanismo di acritica deregolamentazione degli scambi e degli investimenti che non giova alla causa del libero commercio e pregiudica in modo significativo la quality, la competitività e l’identità del sistema agricolo nazionale».

Da ciò l’impegno della Coldiretti per informare e sensibilizzare il Governo ed i Parlamentari italiani chiedendo loro di non votare a favore della ratifica dell’Accordo e di impedirne l’entrata in vigore in via provvisoria, ed è questo impegno che la Giunta Comunale di Carinola ha deciso di appoggiare a favore della salvaguardia dei diritti dei consumatori e delle imprese.

 

—–

 

comments

Lascia un commento