Casale di Carinola: distribuzione sacchetti differenziata, ma solo pochi apprezzano

Volge al termine la distribuzione dei sacchetti per la raccolta differenziata curata dal comune di Carinola e dal Gruppo Barbato Holding, società titolare dell’appalto della raccolta rifiuti, al cui banchetto abbiamo visto con piacere l’amico Antonio Manganello, un ragazzo del posto da poco assunto anche se per adesso solo temporaneamente.

Purtroppo c’è da dire che in questi due giorni riservati a Casale, B.go Fava/Migliozzi e Parco Libellula scarsa è stata la rispondenza dei titolati alla ricezione dei sacchetti e appena 300 sono stati i kit distribuiti: certo mentre scriviamo la distribuzione è ancora in corso e in effetti speriamo in un colpo di coda finale, un afflusso che possa ribaltare il triste andazzo, ma temiamo che la nostra sia una speranza vana. Perché questo? Per una questione di mentalità certo, quell’abitudine a snobbare la “differenziata” che purtroppo non riusciamo a scrollarci di dosso, ma anche purtroppo per la mancanza di un poco curato e poco aggiornato elenco degli aventi diritto fornito dal Comune, abbiamo personalmente assistito a casi di utenti pagatori non inseriti in questa lista di utenze, anche questo influisce ed è quindi anche a monte che bisognerebbe intervenire.

Per corroborare questa tesi facciamo un semplicissimo esempio: la Barbato Holding è titolare della raccolta rifiuti di Monte Porzio Catone, un Comune nei pressi di Roma, e quindi insieme all’Ente locale ha curato la medesima distribuzione di KIT per la differenziata. Più del 50% sono stati quelli accorsi su un totale di 6.000 utenze aventi diritto a fronte di 9.000 residenti: altri numeri certo, non grandissimi ma nemmeno paragonabili a Casale o Carinola, ma lì tutto è filato liscio, sia perché molti hanno risposto con entusiasmo, sia per gli elenchi aggiornati dei nuclei familiari aventi diritto.

In ogni caso, condizioni meteo permettendo, la distribuzione proseguirà nei prossimi giorni a Nocelleto e Carinola così come da programma e chiunque “pentito” per l’assenza di ieri o oggi vorrà recarsi in quelle frazioni per rimediare potrà chiaramente farlo. Il problema si ripresenterà quando tra tre mesi circa, tale dovrebbe essere la durata media di un kit di buste, i sacchetti si esauriranno: per allora aspettiamo comunicazioni in proposito visto che la macchinetta per la distribuzione automatica non funziona e probabilmente si dovrà restituire alla Go Service (la ditta appaltatrice di prima), a meno di un molto opportuno acquisto da parte del comune di Carinola.

comments

Lascia un commento