Consiglio Comunale di Carinola: volano gli stracci tra Sindaco ed “Ex”

Assise degli eletti nell’ordine delle previsioni ieri sera: dopo le bellicose dichiarazioni degli ex-alleati della Maggioranza che sosteneva il sindaco Antonio Russo non ci si poteva attendere di meno, l’unico dubbio risiedeva nell’atteggiamento del Sindaco: si sarebbe sottratto o meno al confronto?

Il primo dei tre SìAmo Carinola, Di Maio-Giacca-Nardelli, a prendere la parola è stato quest’ultimo, Antonio Nardelli, che con un intervento breve, conciso e usando parole pesanti come pietre, non ha certo usato metafore per definire il ribaltone operato dal gruppo Carinola 2021, avallato, se non addirittura orchestrato come più tardi avrebbe sostenuto Rosa Di Maio, dallo stesso sindaco Antonio Russo, ha chiesto le dimissioni di chi ha operato un «tradimento, una vera e propria schifezza politica, del voto popolare».

La cronaca in senso stretto potrebbe chiudersi qui tanto è stato esplicito il consigliere Antonio Nardelli, se non fosse che subito dopo prende la parola l’ex-assessore Rosa Di Maio e principia un discorso, anzi una vera e propria arringa da Avvocato qual è, con il quale molto probabilmente mette una seria ipoteca sul futuro candidato-Sindaco della fazione “grimaldiana”, e considerando la corposa base di consensi personali, 580, da cui parte…

Non c’è che dire: un politico di Governo si trasforma quando passa all’Opposizione e viceversa, proprio come fa un Partito, è sempre stato così, ecco perché una delle frasi che preferiamo è del compianto Aldo Moro che diceva che «Un partito deve essere Opposizione a sé stesso». Quel politico dovrebbe conservare la stessa verve sia quando si oppone sia quando governa: ma, onestamente, è possibile? Il Sindaco non ha saputo o voluto ribattere, anche se i fatti sembrano far propendere per la prima ipotesi, a chi gli rinfacciava che quello cui si era assistito non era certo mosso dalla voglia di un miglioramento nell’Amministrare.

Spesso da queste pagine virtuali ci è capitato di dissentire dalla Di Maio uomo (donna… ) di governo, ma sinceramente stavolta si può darle torto? Non crediamo e ovviamente così non ha fatto anche l’altro ex-assessore Francesco Giacca, defenestrato anch’egli nell’epurazione di fine agosto, che ha spianato il campo alla nuova Giunta.

Sicuramente il Sindaco dall’alto della sua ultradecennale esperienza politica avrà avuto le sue ragioni nell’appoggiare il ribaltone promosso dal gruppo Carinola 2021, e probabilmente i fatti gli daranno ragione, a dire il vero lo speriamo per il bene di Carinola, ma cosa ha ottenuto finora? Il malcelato dissenso di chi prima lo sosteneva e l’aperto livore di chi lo aveva votato, livore che ieri si è manifestato in Consiglio con un episodio circoscritto e da non enfatizzare, ma che evidentemente è la spia di un malessere che dal virtuale dei blog si sta trasferendo al reale della strada.

Comunque visto che la discussione sulla nuova Giunta ha assorbito oltre due ore, si è scelto di riaggiornarsi martedì 13 alle ore 19 per discutere le interrogazioni del consigliere del Movimento 5 Stelle Renato Luigi De Spirito, è stato lo stesso De Spirito a proporlo, dopo aver discusso quelle della consigliera Maria Sorvillo.

Ultime due annotazioni: il consigliere Franco Di Biasio candidato a Sindaco per Carinola Rinasce, ha costituito il gruppo consiliare denominato appunto “Carinola Rinasce” di cui è capogruppo e unico rappresentante, e infine considerate le dimissioni della consigliera Giuseppina Tuozzi, neo-Assessore, dalla carica di componente del “Consiglio dell’Unione dei Comuni Domitia Mari e Monti”, si è proceduto alla sostituzione e Maria Sorvillo ne prenderà il posto.

comments

2 thoughts on “Consiglio Comunale di Carinola: volano gli stracci tra Sindaco ed “Ex”

  1. Anonymous

    Come siamo caduti in basso.
    per colpa di questi personaggi, il nostro è un Comune feudale e non repubblicano.
    finchè questi signori non si allontaneranno dalla politica, il Comune sarà sempre più come un malato terminale.
    VERGOGNATEVI

    Reply
  2. Anonymous

    In effetti, hanno già organizzato, deciso e fatte le prossime elezioni, votare non servirà a nulla! I fondi per il rilancio del litorale domizio sono in arrivo…..( e intanto, con molta gioia dei sindacati casertani, abbiamo perso un ottimo Direttore della Reggia)

    Reply

Lascia un commento