La Pro Loco ci guida alla riscoperta di Carinola

La Pro Loco Carinola in occasione della Giornata Nazionale delle Pro Loco d’Italia, organizza per domenica 31 marzo una giornata interamente dedicata alle bellezze di Carinola, la città di San Bernardo Vescovo e definita la Pompei del ‘400.

Come da programma allegato alle ore 10.00 è previsto il raduno in piazza Osvaldo Mazza di fronte al Municipio e a Palazzo Novelli. Da lì avrà inizio il percorso guidato che prevede in successione le visite alla chiesa SS. Bernardo e Martino, da tutti conosciuta come la Cattedrale perché un tempo effettivamente era la chiesa Madre della diocasi di Carinola fino alla soppressione di questa e al suo accorpamento alla diocesi di Sessa Aurunca nel 1818.

Immediatamente dopo ci sarà la visita all’adiacente museo parrocchiale “Luca Menna”, dove sono custodite le bellissime 15 statuette che fino al 1961 adornavano la facciata della Cattedrale: in occasione di un restauro della Cattedrale furono custodite, per ragioni di sicurezza dovute al loro inestimabile valore artistico ed economico, visto che si tratta di esemplari unici,  dalla Soprintendenza dei Beni Artistici ed Architettonici di Caserta. Questi preziosissimi manufatti furono un dono che i Reali Aragonesi vollero fare alla Chiesa di Carinola nel XV secolo, e sono state costruite, con la tecnica della terracotta invetriata, da maestranze di formazione ispano-catalana e rappresentano Eva, le Virtù teologali, morali e i Vizi capitali.

Infine ci sarà la visita alla chiesa dell’Annunziata di Carinola, una chiesa bellissima edificata per volere di Sancia di Maiorca nella metà del 1300, una chiesa angioina e francescana destinata ad unire la fede e le opere di carità concrete attraverso l’assistenza agli ammalati e ai moribondi accolti nell’ospedale in passato annesso alla chiesa, e dove nel 1475 San Giacomo della Marca ottenne il miracolo storico della guarigione del re Ferrante d’Aragona.

comments

Lascia un commento