Casa Reclusione di Carinola: i riti religiosi della Santa Pasqua

“La quaresima della vostra vita”, questo è il passaggio fondamentale della intensa omelia pronunciata da S.E. Mons. Pasquale Cascio, Vescovo della Diocesi di S. Angelo dei Lombardi delegato della Conferenza Episcopale Campana per le Carceri, nel corso della S. Messa delle Palme, celebrata sabato 13 aprile alle ore 10.30 nella Chiesa della Casa di Reclusione di Carinola. A concelebrare vi erano don Luigi Manica cappellano qui a Carinola e don Pierangelo Marchi. Erano presenti il Direttore del penitenziario, dr. Carlo Brunetti, molti operatori della Casa di Reclusione e altre autorità.

Alla cerimonia liturgica hanno preso parte i detenuti che solitamente, ogni sabato, partecipano alla S. Messa di Don Luigi Manica e che frequentano assiduamente il corso di catechismo. In questa occasione speciale delle Palme hanno potuto avere al loro fianco in Chiesa mogli, figli, nipoti e fare assieme a loro la Santa Comunione. Dopo il saluto iniziale del Direttore Brunetti ha avuto inizio la celebrazione che ha vissuto momenti di intensa e forte spiritualità. Durante l’omelia. Mons. Cascio, il quale in quanto delegato regionale per le Carceri conosce perfettamente la realtà delle carceri della Campania, rivolgendosi ai detenuti ha detto che Gesù, già prima della sua passione morte e resurrezione, risuscitando Lazzaro, aveva dato dimostrazione di aver sconfitto la cosa più brutta che possa esistere, vale a dire la morte. Li ha esortati quindi ad avere fede e a riflettere sul senso della loro presenza in carcere; permanenza che può essere considerata una sorta di quaresima della loro vita, significando che oltre, al termine, ci sarà la loro resurrezione fisica e morale. Li ha incoraggiati ad avvicinarsi con fiducia all’eucarestia. Proprio in occasione della Comunione si sono registrati i momenti di più intensa commozione nel Vedere padri, figli, mamme ricevere insieme la Comunione. Al termine Mons. Cascio, ha benedetto uno per uno i detenuti e i loro familiari, consegnando loro le Palme incoraggiamento, di speranza e di fiducia. L’organizzazione della S. Messa, compreso il coro, composto da detenuti, è stata curata in tutti dettagli da don Luigi Manica che si è avvalso del supporto dei volontari che collaborano con lui.

Giovedì prossimo, inoltre, altro appuntamento importante per la preparazione alla Santa Pasqua detta IN COENA DOMINI con la lavanda dei piedi:

I Funzionari Giuridici Pedagogici

Carinola, 15/04/2019

comments

Lascia un commento