Restauro del Castello Medievale: convegno a Francolise

La Torre che domina i campi stellati è stata al centro dell’attenzione di un pubblico incontro organizzato dal Sindaco e dall’amministrazione comunale del comune di Francolise sul restauro del Castello Medievale omonimo. Un’occasione per parlare anche delle azioni di recupero già realizzate grazie ai programmi regionali ma soprattutto per individuare i passi che restano ancora da compiere.

Nel convegno, moderato dal direttore di Herald Italia Salvatore Di Rienzo, il sindaco, dott. Gaetano Tessitore, ha puntualmente informato i presenti sull’impegno profuso per reperire i finanziamenti necessari e per adempiere le pratiche burocratiche necessarie. Ma è stato anche il momento per ringraziare il consigliere regionale Giovanni Zannini per l’importante azione politica in Regione in favore del nostro territorio.

Quest’ultimo, prendendo la parola, ha concluso l’incontro impreziosito dalla competenza tecnica dell’architetto Michelangelo Cannizzaro, Direttore Operativo e responsabile del progetto di restauro, passando rapidamente in rassegna le linee di intervento e di sviluppo delle politiche regionali che, grazie anche alle collaborazioni attivate con le amministrazioni comunali, sono state tradotte localmente in nuove prospettive di lavoro e di crescita per la cittadinanza.

Una fase del convegno

Si è infine soffermato a parlare del Masterplan del Litorale Domizio e del grande progetto Bandiera Blu e dei benefici che porteranno anche al comune di Francolise oltre che ai Comuni vicini.

Uscendo dalla sala consiliare le ombre della sera erano intanto già scese ma guardando verso l’alto la Torre di Francolise si stagliava nel cielo, illuminata ed imponente, e tutte le idee ascoltate poco prima dalla voce dell’arch. Cannizzaro, da quella del sindaco e, infine, da quella del consigliere Zannini, sulla possibile nuova vita di attrattore turistico e volano di sviluppo del Castello Medievale, hanno acquisito la luce nuova di un futuro vicino e possibile.

 

 

K

comments

Lascia un commento