Carinola, storie di degrado e di abbandono

Queste due foto relative alla piazzetta di Casale descrivono nel migliore dei modi due cose: l’evidente degrado e la netta sensazione di abbandono che purtroppo si sta vivendo in questo periodo storico nel nostro amato, nonostante tutto, comune di Carinola. Perché parliamo di Carinola? Casale magari! E no, ci corre l’obbligo di descrivere due-tre episodi avvenuti nei dintorni del nostro paese e che purtroppo hanno come comune denominatore Carinola, ordini che dovrebbero partire direttamente da palazzo Mazza e che invece latitano in maniera sconsolatamente sconsolante.

Andiamo con ordine: le foto del titolo illustrano la situazione di stamattina, la spazzatura depositata stanotte, cartone ed in ogni caso materiale indifferenziato. Ebbene vi risulta che stamattina fosse prevista una raccolta che invece per un motivo qualunque non c’è stata? Ma ancora: vi risulta che questo materiale debba essere raccolto lunedì insieme all’ “UMIDO”? No perché solo martedì la Piazzetta sarà liberata da questo schifo. E allora umilmente chiediamo:

PER QUALE C… DI MOTIVO SI DEVE SOPPORTARE QUESTO SCHIFOSO SPETTACOLO PER COLPA DI QUALCUNO CHE NON SI VUOLE DISTURBARE A TENERLA IN CASA (o in negozio visto che non abbiamo fatto l’esame del DNA alla “munnezza”)?

Non è solo l’incivile privato ad esser colpevole del degrado descritto, ma anche chi dovrebbe e invece non controlla. Non vogliamo far giri di parole: stiamo parlando dei Vigili Urbani! Perché non girano sul territorio? La loro sola presenza servirebbe da deterrente per certi comportamenti che meriterebbero di esser fotografati ed affissi sui muri del paese. Perché? Sono forse in pochi? I loro fischietti sono sfiatati? Non hanno benzina da mettere nei serbatoi delle auto?

Non è tutto: in questi giorni in via per Cascano alcuni operai, presumiamo ancora della Telecom, sono venuti a fare ancora un po’ di lavoretti relativi all’instradamento della Fibra Ottica. Ora in un precedente articolo abbiamo avuto modo di sottolineare quanto siano benvenuti lavori tesi a migliorare le prestazioni della nostra rete ADSL che è veloce quanto un treno alimentato a carbone e che brilla per puntualità solo nella richiesta dei pagamenti delle bollette. Ebbene una volta andati via questi operai hanno lasciato un altro cumulo di terriccio a perenne memoria del loro passaggio: tanto nessuno li controlla, tanto, ripetiamo, Carinola versa in uno stato di abbandono.

Chicca finale: per modo di dire “chicca” visto che solo per poco il grave episodio non si è trasformato in un evento luttuoso. Ieri pomeriggio intorno alle 16 una macchina guidata da un nostro amico ha avuto un guasto elettrico e si è incendiata, con le possibili conseguenze facilmente immaginabili, in via Guarusi. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e i Vigili del Fuoco e il traffico è stato temporaneamente bloccato.

MA NON I VIGILI URBANI DI CARINOLA CHE PUR ERANO STATI AVVERTITI!

Perché? Che succede? Se c’è qualche problema nella linea di comando amministrativa o addirittura politica non sarebbe più onesto ammetterlo e confessare la propria impotenza, che non far finta che tutto vada bene, andare avanti comunque e vivacchiare?

Il bello, anzi il brutto e il tragico, è che qualcuno cercherà di approfittare di questo marasma e volgerlo a proprio vantaggio, non dimentichiamo che tra meno di un anno ci saranno le Elezioni e molti dei colpevoli di questo sfascio generale stanno già affilando le armi e si preparano ad illustrare le loro infallibili ricette per una Carinola migliore: certo dopo aver contribuito ad affossarla, è logico che riaffideremo agli stessi il compito di farla risorgere!

Intanto il senso di abbandono cresce, è opprimente, soffoca…

——

18 thoughts on “Carinola, storie di degrado e di abbandono

  1. AvatarAnonymous

    fa nà cosa visto che parlar non costa nulla visto che qui e nu schifo cambia paese forse starai meglio
    viva casale comunque è sempre fosse sulu perchè ce sta gente onesta.

    Reply
    1. Avataranonymus

      Chi sei uno dei padroni della spazzatura in foto? Il depositario? Vergogna, vergogna, vergogna!

      Reply
  2. AvatarAnonymous

    ma sono commenti da farsi questi? denunciare lo stato di degrado è uno sprone al miglioramento in virtù dell’amore per il proprio paese. parli di banalmente “sputtanamento”, ma le foto rispecchiano semplicemente la “sporca” e avvilente realtà, che si spera un bel dì cambi. solo uniti si può cambiare le cose e fare la differenza.

    Reply
  3. AvatarAnonymous

    Ma che razza di commenti futili e inutili! A casale e al casalese manca il rispetto per ciò che è comune e per il prossimo! E voi che commentate in questo modo ne siete la prova! Vergognati casalese casale è un paese che non ti merita!

    Reply
  4. AvatarAnonymous

    iddillio alla monezza:
    In un mondo di falsi poeti e navigatori,
    di predicatori e falsi moralisti,
    d’ove la terra e la cultura è immensamente
    ricca di spazzatura,
    d’ove la società umana sostiene se stessa
    trasformando la natura in immondizia,
    d’ove s’è tieni la mente sufficientemente aperta
    vi getteranno un sacco di immondizia,
    Viva la monnezza,ultima risorsa per l’umanità
    e chissà anche per lo spirito, visto che gente si vede in giro.
    Viva la Monnezza

    Reply
  5. Avataranonymus

    sembra che solo acasale ci sia la mmunnezza perstrada, ne è piena dappertutto, ma solo a casale se per un giorno non viene ritirata apriti cielo.
    allora l’autore delle foto perché non fotografa chi deposita e lo denuncia ?
    no deve “pubblicizzare” casale così senza alcun rispetto per chi ci abita, per le attività commerciali per i negozianti, gl’unici alla fine a pagarne veramente perché se la piazza è sporca io non ci vado .
    E ogni giorno na tiritera, la mmunneza, la mmunnezza, la mmunnezza, lammunnezza….. ma la gente se la deve mangiare ?????

    Reply
    1. Avataranonymus

      qualcuno c’ha la coda di paglia. una delle cose che dovrebbero fare i vigili è aprire l’immondizia e leggerne i proprietari, come avviene in tutte le città civili del mondo, e SANZIONARE, si trovano tracce nell’immodizia. ma poi chi butta scatoli contenenti 200 uova e cartoni di birra?
      l’autore del post successivo delle ore 10.55 non merita risposta, non bisogna ne amare ne odiare casale o qualsiasi altro posto per avere comportamenti civili, basta essere UOMINI.
      Proprio chi c’è nato e chi ci vuole morire dovrebbe volergli più bene, e se pretendi la mutezza o il silenzio di qualcuno in base all’idea di aver identificato qualcuno non hai cpito niente di internet, mi spiace di avere un compaesano come te.

      Reply
  6. AvatarAnonymous

    Bravo sono d’accordo credo che l’autore di quel servizio fotografico non ami molto casale e i casalesi,
    forse soffre di non curanza da parte dei suoi concittadini, se è così si vede che non la merita.
    invece di fotografare la munezza, fotografa qualche cosa di buono che c’è, forse ne guadagnerai in simpatia , altrimenti resta chiuso nelle tue quattro mura, e non rompere i c.og……..oni a casale e a chi ama nonostante i suo difetti questo paese, e sopratutto a chi c’è nato e ci vuole morire. credo che tu non sia nato in questoi paese per cui mutoo…………………………………………….. con una mano dietro e l’altra davanti
    VIVA CASALE::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Reply
  7. AvatarAnonymous

    Devo essere sincero, davvero orgoglioso di non essere di casale. Non vorrei assolutamente condividere l’aria con chi si preoccupa delle foto della munnezza, e non del fatto che ci sia munnezza. Di chi dice che parlare di camorra é sbagliato perché ci sputtaniamo e non si pone il problema rispetto all’esistenza del fenomeno camorra.
    Di chi si preoccupa dell’etichetta di Terra dei Fuochi e non del fatto che balordi bruciano l’immondizia che altri balordi buttano ovunque.
    Di chi é terrorizzato dall’idea di denunciare e fare qualcosa per migliorare e vigliaccamente proietta il problema sulla foto o sull’articolo piuttosto che sul problema.
    Insomma, orgoglioso di non appartenere ad una comunitá di pavidi, ignoranti ed incompetenti

    Reply
  8. AvatarAnonymous

    muto viva la munnezza compaesà,se non ti piace fai la valigia e sloggia staremo più larghi

    Reply
  9. AvatarAnonymous

    Davvero non si capisce più niente! Ma come si fa a criticare chi prova a denunciare qualcosa? Ma allora davvero siamo delle bestie se preferiamo avere la piazzetta, che potrebbe essere un posto davvero piacevole, pieno di spazzatura. Le fioriere che, mai hanno contenuto fiori piene di spazzatura, il parcheggio selvaggio, mo si iniziano a creare i cumuli, e noi a criticare chi denuncia questa cosa. E che cavolo, siamo proprio fuori dalla grazia di Dio.

    Reply

Lascia un commento