A Fontanelle la CANTATA DEI MESI… e da noi?

A Fontanelle di Teano è in avanzato stato di preparazione per domenica 24 febbraio la tradizionale Cantata dei Mesi (orario d’inizio previsto h 14.30, compatibilmente con le condizioni meteo). Abiti e dialetto tradizionali per una manifestazione che si rifà all’antica civiltà contadina e che affonda le proprie radici nella notte dei tempi.

La Cantata dei Mesi più che richiamare a un unico paese è propria di un intero territorio (l’antico Regno di Napoli forse, quello stesso che in seguito sarà chiamato Regno delle Due Sicilie?) visto che con i normali e dovuti adattamenti locali ne abbiamo tracce in vari luoghi come la provincia di Benevento, di Napoli e, ovviamente Caserta, ma è essenzialmente unica la radice che ispira il saluto alla natura che si risveglia dopo il “letargo invernale” e la volontà di chi, vivendo dei suoi frutti, di esternare ampollosamente e goliardicamente il proprio ringraziamento.

E da noi, qui a Casale?

Purtroppo risale all’anno 2014 l’ultima volta che grazie ad alcuni volenterosi, si è assistito per le strade nostrane a questa Cantata de Ri Misi, Ri Misi scritto con le maiuscole visto che le scene sono interpretate dalle personificazioni di Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile, ecc. ecc., più le simpatiche “intromissioni” di Capurannu, Ru Mese Annascusu e il “guastatore”” Pulicinella.

Ne riproponiamo il testo che anni fa raccogliemmo e in parte ricostruimmo anche grazie alla visione e l’ascolto di antichi filmati. Questa Cantata è sicuramente uno dei più completi esempi di dialetto casalese ANTICO che sia giunto fino ai giorni nostri. Probabilmente, anzi ci spingiamo a dire “sicuramente”, avrà subito nel corso dei secoli delle modifiche ma l’impianto fondamentale della “Cantata”, uno dei pilastri delle tradizioni locali legate al periodo carnascialesco, è sicuramente rimasto invariato.

Un avviso: alcuni termini sono talmente antichi che sono totalmente caduti in disuso e se ne è persa quasi del tutto la memoria, pertanto ci scusiamo se a volte la trascrizione può risultare imperfetta ma temiamo che, ahinoi, sarebbe difficile far meglio. Alcuni termini che a prima vista non fanno parte del dialetto di Casale di Carinola (“intera” invece di “sana” o “il” invece di “ru”) e che possono giustamente sembrare un adattamento o l’impropria italianizzazione di parole della lingua dialettale, sono in realtà VOLUTAMENTE inserite nel testo originale per mere ragioni di fonetica e per meglio coniugarsi all’accompagnamento musicale.

LA CANTATA DEI MESI

 

Capodanno

J’ so’ Capurannu e so’ capo dell’anno,
capo dell’anno, chisti Misi aspetto.
A casa mia ce l’invito a tutti,
chiunque vuol favorir, farò l’offerta.
Tu Pulcinella, sarai il mio seguace,
de chisti dodici Mesi della staggiona:
se chisti dodici Mesi nun s’apportunu buonu,
casticare li vogliu cu’ ‘stu mio bastone!

Pulcinella

Sì, Capurannu miu, tu hai raggione,
ma nui vulemmu ‘nu pocu pazziàne.
Pazziammu primm’e doppu Carnevale,
tagliarìa ru cuogliu a pàtitu carnale.

Capurannu

Tu Pulcinella, che malanno dici?
Te l’ho portata intera la staggiona.
Tu, guarda Aprile con i fiori in mano…
Farò cantare il mese di Gennaio.



Gennaio

J’ so’ Gennaio e so’ prim’entratura,
nemmicu songu de ‘sti pecurari.
A caccia-uocci cu’ ri putaturi,
nessuno giorno li farò putare.
Casticà ce ri vogliu ri bestemmiaturi,
chi lo bestemmia il mese di Gennaio!
E a chi lo bestemmia, io con l’uscio
ce vogliu mannà acqua, vientu e fruscio.

Febbraio

E j’ su’ Frebbariegliu curtu curtu,
la ‘uerra voglio fa’ ventotto giorni.
Vogli’afferrà ‘ste donne cu’ ‘sta frusta,
girare ce le voglio intorno intorno.
Vogliu preàne ru Mese d’Austu,
che acqua ne facesse nullo giorno.
Ché a ru giardinu miu ce pigli’a secca
e io ci batterò cu’ ‘sta mia zeppa.

Marzo

E j’ su’ Marzu cu’ la mia zappetta,
cu’ pane e puorru facciu ru riùnu.
Ogni villanu chistu mese aspetta,
pe ì a jettà ri sacchi e pellecciuni.
Nun ve firate de la mia fermezza,
ché facciu ri mutivi de la luna:
ora ve facciu ricchi e ora poveri,
ora ve facciu ’nfusi e ora asciutti.


Aprile

J’ song’ Aprile cu’ la l’apa sperza,
fioriscon terra e alberi alla luna.
Ogni uccelletto fa il suo versetto,
fioriscono montagne e convalloni.
Ru speziale cu’ la sua ricetta,
pe’ manià patacche e ducatùni.
J’ song’ Aprile e so’ bel giovinetta
e a Maggio dono questo ramaglietto.

Maggio

E j’ so’ Maggio e so’ maggior di tutti,
maggior di tutti so’ de st’alimenti!
D’oro e d’argento ne guarnisco tutti,
puri ‘ri ciucci stann’allegramente.
Aggiu purtatu suoni, chitarr’e strumenti,
pe’ fa sta’ a voi Signori allegramente.
J’ me ne partu cu’ le bone spese
e indietro ve li lascio ‘sti altri Mesi.

Giugno

E j’ su’ Giugnu cu’ la mia sarreccia,
tannu ce mètu quannu sto ‘ncicercia,
si ‘mmani ce l’avesse chella Veccia,
ri tagliarìa ru cuogliu cu’ ‘sta sarreccia!
Tengu ‘nu pignatu cinu de bona menesta,
cu’ ‘nu cucciariu pe’ dentu sempe ‘spellecciu.
Doppu mangiata ‘sta bona menesta,
me facciu ‘na bevuta a sta varrèccia.


Luglio

E j’ su’ Lugliu cu’ ru carru ruttu,
ru carru l’aggiu ruttu a la maèsa.
Ru carru miu è ru carru cunduttu,
ru pozzu ì cantenn’a la carrèsa!
Tengu ‘na regna cèna de bon fruttu,
trecientu tòmmule, ne facciu ‘na mèta.
La vogliu scugnà mo’ ch’è tiemp’asciuttu,
ca’ si ce ciove ce perdu le spese.

Agosto

E j’ su’ Austu cu’ la malatìa,
ru miericu m’ha urdenàta ‘sta sepposta.
La capu mia è juta ‘nfarmarìa,
cumme vattissi cu’ ‘stu magliu apposta.
N’aggiu ‘strutta ‘na spezziarìa,
pe’ l’ubberienza de la facci’ vosta.
E pe’ dispiettu de don Vicenzinu (si cita il farmacista “in carica”, ndr)
me mangiu ‘na gliaglin’ogni matina.

Settembre

J’ su’ Settembre cu’ la ficu moscia
e l’uva muscarella se fenisce.
Se qualche donna avesse la papòscia,
venisse a la casa mia, ce la guarisco.
Si cacche vote ce su jutu’all’usciu
pe’ manià percoche j’ me l’allisciu.
Vulesse ra’ ‘na voc’a ‘sti caiuòtuli,
ca’ le percoche mie su’ a quatt’a ruòtuli.


Ottobre

J’ song’ Ottobre cu’ ri begli frutti,
ri frutti miei ce so’ ri chiù sovrani!
De uva fresca ne sazèu a tutti,
ce sazèu ru riccu e ru villanu.
De vinu ne vogliu fa’ trecientu ‘utti,
pe’ fa’ schiattà Tedeschi e ‘Taliàni.
Doppu ce caccerò ru mio condotto,
pe’ fa’ schiattà ri mierici e ri speziali.

Novembre

J’ so’ Novembre e so’ semmenatore,
semmenà ce la vogliu ‘sta sementa!
C’è abbisognu de ‘nu lavoratore,
n’atu che me mantene ‘sta sementa.
La vogliu semmenà de bona staggiona,
pe’ fa’ sta’ a voi Signori allegramente.
Nun la semmenu né per me, né per gli uccelli,
ma la semmenu pe’ ‘ste nenne belle.


Dicembre

J’ so’ Dicembre e so’ l’urdim’a tutti,
a sculatura de chist’ati Mesi.
Me vogliu ì affaccenne pe’ ‘ste ‘utti,
si ce sta vinu pe’ chist’ati Mesi.
Tengu ‘na respenza cèna de bon fruttu,
de chigliu puorcu c’aggiu ‘ccisu auànnu.
Tengu ‘na ‘otta de vinu ventriscu,
tengu ‘na bella nènna a liettu friscu.


Ru Mese Annascusu

J’ su’ ru Mese che stev’annascusu,
v’aggiu purtat’a pianta de la rosa.
A questa rosa io le chiedo scusa
e quando sarà fiorita me la sposo.
Mo’ che ce su’ venutu tuttu ‘nfusu,
a voi Signori cerco qualche scusa.
Facciu ru trasi e jesci da ru pertusu,
pe’ v’arracquà la pianta de la rosa.

La riproposizione di questo testo è in pratica un augurio, un caloroso AUGURIO, che la redazione di casaledicarinola.net fa a tutto il popolo casalese nella speranza che si organizzino al più presto manifestazioni del genere.

PROSIT!

comments

One thought on “A Fontanelle la CANTATA DEI MESI… e da noi?

  1. Anonymous

    Purtroppo Casale, è un paese che non apprezza più quello che ci è stato trasmesso da coloro che ci hanno preceduto “l’eredità del passato”.
    La tradizione non consiste nel conservare le ceneri ma nel mantenere viva una fiamma.
    Oggi questo paese, è come un gregge senza pastore, senza innovazione, è un cadavere.
    Babalena

    Reply

Lascia un commento