Di Benedetto: quali criteri per gli scrutatori di Francolise?

Oggi la commissione elettorale comunale, costituita dal sindaco e da tre consiglieri comunali, ha nominato gli scrutatori di seggio delle prossime elezioni.

Al fine di garantire trasparenza, sarebbe giusto informare i cittadini sui criteri adottati. Non ci risulta che sia stato effettuato un sorteggio pubblico, quindi ci chiediamo in che modo sia avvenuta la scelta.

Sono forse state privilegiate persone in stato di difficoltà economica, così come accaduto in altri comuni, dove ad esempio meritevolmente l’elenco è stato affidato al settore Servizi sociali che ha contezza dei nuclei familiari indigenti?

Si è per caso deciso di dare spazio a giovani studenti e, soprattutto, si è adottato il principio della rotazione, escludendo dalla nomina quanti magari hanno già ricoperto il ruolo negli ultimi tre anni?

Per il bene della comunità, ci si augura che non si sia fatto prevalere il criterio della parzialità, con la nomina degli amici degli amici a discapito di tutti gli altri. La nomina diretta degli scrutatori è di certo prevista per legge, ma riteniamo che il buonsenso debba passare anche per la garanzia della trasparenza e dell’uguaglianza dei diritti.

Per la nostra coalizione la casa comunale deve essere una  casa di vetro e non devono esistere cittadini di serie A e serie B.

FRANCOLISE, 6 maggio 2019

 

Ufficio stampa della lista “La scelta giusta”, candidata con Saturnino Di Benedetto

comments

One thought on “Di Benedetto: quali criteri per gli scrutatori di Francolise?

Lascia un commento