Carinola: una situazione irresponsabile da risolvere con responsabilità

L’assordante silenzio nei palazzi della politica carinolese è solo apparente: se il sindaco Antonio Russo svolge normalmente la sua quotidiana attività di amministratore, in realtà si muove, sottotraccia e silenziosamente come il magma di un vulcano che inesorabile procede, alla ricerca di una Maggioranza che possa sostenerlo e permettergli di arrivare alla fine naturale della legislatura, arrivarvi poco placidamente d’accordo ma almeno doverosamente, quel dovere che a Carinola spesso viene messo sotto i tacchi dai politici locali.

A quanto parrebbe il Sindaco guarda tra gli oppositori, o meglio tra gli ex compagni di SìAmo Carinola estromessi dalla Giunta, Giacca-Di Maio, e dalla Maggioranza, Nardelli, che originariamente lo appoggiavano come da mandato popolare, e addirittura guarda all’ex antagonista per la poltrona di Primo Cittadino alle Elezioni del 2016, Franco Di Biasio. Se questo ennesimo inciucio, che francamente griderebbe vendetta agli occhi degli dei e susciterebbe ancor di più ripugnanza in una politica, pardon in politici, che fanno e dicono tutto e il contrario di tutto, se dicevamo questo inciucio dovesse riuscire avremmo il solito rimpasto di poltrone in Giunta, quella Giunta che ormai più che a una minestra riscaldata somiglia sempre più a una brodaglia scaduta da tempo, e un nuovo patto nell’abusato nome della RESPONSABILITÀ e alle spalle di Carinola.

Noi, nel nostro piccolo, dissentiamo da quanto dice Pasquale Di Biasio e che cioè il Sindaco dovrebbe dimettersi subito, posizione questa che abbiamo letto su un altro blog, invece speriamo proprio che Antonio Russo rimanga in sella, e non perché siamo particolarmente tifosi dell’attuale Fascia Tricolore, ottima persona ribadiamo ma non si è certo dimostrato il miglior amministratore per Carinola, ma perché tifiamo per Carinola e il nostro Comune non merita un nuovo Commissariamento, a questo porterebbe tale atto di remissione del mandato, e inoltre speriamo con tutte le nostre forze che questo modo di fare, di trattare le istituzioni come degli autoscontri da cui salire e scendere a seconda della convenienza, venga sonoramente e definitivamente battuto alle urne la Primavera prossima.

Ma per fare ciò, permettere cioè a Russo di rimanere in sella, c’è bisogno di voti, quei voti che gli consentirebbero di superare l’ostacolo “Bilancio”. E dove reperirli questi voti?

Ecco la nostra proposta: non sarebbe un atto altamente disinteressato e ammirevole se i quattro, Marrese, Nicolò, Tuozzi e Sorvillo, che hanno ritirato il loro appoggio a Russo prendendo le distanze dalla Maggioranza, tornassero sui propri passi e salvassero Russo dalle dimissioni e quindi Carinola da un Commissariamento breve ma comunque doloroso? Ma dovrebbero farlo in nome di quella concreta responsabilità che dovrebbe essere anche disinteressata, e quindi senza alcuna richiesta di reintegro nelle cariche abbandonate per dimissioni o revocate.

A che pro? Si salverebbe il salvabile, si arriverebbe ad un ridimensionamento politico di Antonio Russo, ormai è inutile ribadire che lui stesso ad essersi “politicamente suicidato”, tipo Salvini al Papeete di Milano Marittima, e infine, cosa non secondaria, si restituirebbe un po’ di dignità e trasparenza alla politica e ai politici carinolesi, e Dio solo se ce n’è bisogno!

Marrese, Nicolò, Tuozzi e Sorvillo siate responsabili dunque, ma non come Razzi e Scilipoti che per salvare Berlusconi sembra abbiano ricevuto qualcosa in cambio, ma siate responsabili in maniera disinteressata!

4 thoughts on “Carinola: una situazione irresponsabile da risolvere con responsabilità

    1. AvatarAnonymous

      E, di grazia, ti dispiacerebbe far ridere anche noi? Ma con argomentazioni serie però, non sparando semplicemente nel mucchio…

      Reply
  1. AvatarAnonymous

    Sicuramente l’attuale Sindaco non sarà ricordato come il più competente, ma sicuramente come tra i più Onesti.
    Questo basta e avanza per evitare un nuovo commissariamento,

    Reply

Lascia un commento